Sicilia: pistola e oggetti vari nella bara di Badalamenti, esumato il cadavere

Esumato il cadavere di Badalamenti, i Carabinieri di Palermo rinvengono una pistola all’interno della bara

carabinieri-ris-scientificaUna pistola a tamburo, di fabbricazione italiana,  e una borsa con oggetti vari. Questo il contenuto rinvenuto dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Palermo, su ordine del decreto di esumazione straordinaria emesso dalla Procura Distrettuale Antimafia, all’interno della bara di Agostino Badalamenti, noto boss di Porta Nuova deceduto nel giugno 2005. A dare una significativa svolta alle indagini le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Salvatore Bonomolo. Badalamenti era stato arrestato il 22 agosto del 1979 per l’omicidio di Michele Lipari ed era riuscito, fingendo l’infermità mentale, a farsi internare all’interno del manicomio giudiziario di Barcellona Pozzo di Gotto per 18 anni. Uscito dal carcere, nel 1999 ottenne dal boss Bernardo Provenzano la carica di reggente di mandamento.

Immagini di repertorio