Serie C 2017/2018 – Iscrizioni, fideiussioni, scadenze e penalizzazioni: è una corsa ad ostacoli, venerdì 14 il traguardo

Serie C 2017/2018: Mantova, Messina, Maceratese e Akragas non presentano la fideiussione  entro venerdi 14 luglio potranno fare ricorso

Serie CA ufficializzare le decisioni definitive per quanto riguarda le squadre che prenderanno parte al prossimo campionato di Serie C 2017/ 2018 sarà il Consiglio Federale nella seduta che si terrà giovedì 20 luglio. In attesa di reali conferme occorrerà tenersi cauti per stabilire quali saranno effetivamente le squadre che prenderannno parte alla prossima stagione. Ieri 5 luglio scadeva il termine per presentare la fideiussione da 350mila euro e completare la documentazione per l’iscrizione Serie C 2017/2018. Per due club la situazione è molto critica ed entro domani, giorno 7 luglio, le società dovranno dimostrare di avere un PA equilibrato: la Lega chiede infatti di adempiere a un obbligo federale che prevede di mettere il bilancio in pareggio con un nuovo apporto di capitale da parte dei soci per far fronte ai propri impegni. C’è tempo fino a domani per mettere tutte le carte in in regola, anche se ciò non risparmierà penalizzazioni nel prossimo campionato, ma non l’esclusione. Se qualche club non riescirà a rispettare queste scadenze, potrà fare ricorso entro venerdì 14 luglio per sanare la situazione relativa all’iscrizione. Ovviamente le società interessate andranno incontro a un deferimento con ammende e/o punti di penalizzazione.

Akragas e Messina 
Senza nuovi acquirenti, la proprietà agrigentina ha ribadito la disponibilità a cedere le quote societarie, che siano in parte o in toto, a costo zero. Quella che, prima di ieri sembrava una situazione critica ma non disperata, oggi è un incubo per la tifoseria bianco azzurra visto che sempre più grande appare l’ombra del fallimento. Situazione analoga anche a Messina, dove la società peloritana non deposita la fideiussione, urge adesso il conferimento da parte della proprietà di 330.000 euro, da effettuare entro e non oltre il 7 luglio 2017; i giallorossi andranno incontro ad un altra penalizzazione ma rassicurazioni arrivano da Francesco Barbera, l’imprenditore del caffè, in passato vicino al Messina calcio che ha  deciso di supportare la causa giallorossa. Non entrerà in società ma farà una sponsorizzazione importante con altri due imprenditori locali : una cifra che dovrebbe ripianare il bilancio (come richiesto dalla Covisoc) e a sistemare le carte per l’iscrizione al campionato di Serie C 2017/2018.

Maceratese 
La Maceratese non ha presentato la fideiussione e non sono state ottemperate varie incombenze burocratiche e finanziarie. Al momento la situazione è critica a Macerata (inadempienze societarie, infatti oltre la garanzia bancaria da 350 mila euro a preoccupare sono i debiti accumulati. Ci sono da pagare anche degli stipendi arretrati a calciatori, staff e dipendenti.La situazione è davvero drammatica e dopo l’Ancona un altro club marchigiano rischia di salutare il professionismo.

Mantova
Mantova al collasso.  Vanificato anche in lombardia quell’ottimismo che si era  manifestato il giorno prima e che, come  le altre piazze, si è poi rivelato illusorio. Il presidente Marco De Sanctis ha alzato bandiera bianca. Il club non ha presentato la fideiussione e molti altri documenti relativi all’iscrizione. In piu’, nel tardo pomeriggio è giunta la notizia che il revisore contabile Nicola Radano ha denunciato al tribunale la situazione di carenza patrimoniale in cui versa la società, decisione  presa a seguito del mancato ripianamento del debito patrimoniale, pari a 892mila e rotti euro. Tale somma dovrebbe in realtà essere versata entro domani ma risulta quasi una missione impossibile.

Ok Modena 
Il Modena ha rispettato le tempistiche richieste. Una volta ricevuto l’ok dalla Lega, all’appello mancherà un ultimo passaggio, ben più impegnativo per le casse della World Promotion Company: reperire la cifra necessaria per sistemare il parametro p/a, il rapporto tra il patrimonio netto contabile e l’attivo patrimoniale. Servono 1,8 milioni entro domani per essere certi di non inciampare quando la Covisoc esaminerà i bilanci al 31 dicembre 2016, con responso atteso nella giornata di martedì.

La sopravvivenza di alcuni club è sempre più un miraggio così come la partecipazione al campionato di Serie C 2017/2018. Non si esclude  il fallimento per Mantova, Maceratese e Akragas, speranze per il Messina; tutte entro domani potranno inoltrare alla Covisoc il ripianamento delle eventuali carenze ai fini del raggiungimento della misura minima del parametro economico/finanziario PA (Patrimonio Netto Contabile/Attivo Patrimoniale). Il primo Agosto scadrà il termine massimo per inoltrare l’organigramma dei quadri tecnici (Allenatore, medici, sicurezza, etc) mentre il primo Settembre sarà l’ultimo giorno  per inoltrare l’organigramma dei quadri operativi (Segretario, Team Manager, etc). Ma i giorni cruciali restano quelli tra il 7 e l’11 luglio, quando gli Organi competenti (Lega ,Covisoc e due commissioni) controlleranno tutti gli incartamenti e valuteranno il futuro delle società esaminate.