Roccella Jonica: il Tar di Catanzaro conferma l’istituzione del nuovo “Polo di istruzione superiore Mazzone – Maiorana”

Il Tar di Catanzaro sostiene le ragioni avanzate dal Comune di Roccella confermando l’istituzione del nuovo “Polo di istruzione superiore Mazzone – Maiorana”  nella cittadina

scuolaLo scorso 12 luglio il TAR  di Catanzaro ha respinto il ricorso presentato dal Presidente del Consiglio d’Istituto e da un componente del Consiglio d’istituto dell’IIS “Umberto Zanotti Bianco” di Marina di Gioiosa Ionica contro il provvedimento della Regione Calabria che dispone l’accorpamento amministrativo, con riconoscimento di autonomia scolastica, dell’Istituto Tecnico Industriale “Ettore Maiorana” al Liceo scientifico  “Pietro Mazzone”,  ambedue con sede a Roccella. La decisione del Tar produce innanzitutto un primo effetto positivo per il territorio. Dal prossimo anno scolastico 2017/2018, infatti, la proposta formativa che il territorio esprime a favore dei giovani che terminano gli studi della scuola dell’obbligo si rafforza con la presenza di due complessi dotati di autonomia scolastica: quello che possiamo definire “Polo di Roccella” e quello rappresentato dagli istituti con sede a Marina di Gioiosa e di Gioiosa Ionica. Un risultato, quindi, che dovrebbe essere salutato con soddisfazione non solo da Roccella, ma anche dai comuni del comprensorio.

La sentenza del TAR di Catanzaro dà forza alle ragioni espresse dalla Amministrazione Comunale di Roccella Ionica negli atti amministrativi con i quali si sono portate, innanzi ai competenti organi provinciali e regionali, le ragioni a sostegno della creazione di un polo di istruzione superiore a Roccella. Pur non essendo evidentemente di competenza comunale la definizione del Piano di Rete Scolastica Regionale, rientra infatti certamente tra le competenze, anzi tra i doveri, di una amministrazione locale sollecitare i competenti organismi sovracomunali affinché possano assumere decisioni che riverberano maggiori effetti positivi sul proprio territorio. A tal fine, abbiamo condotto una strenua lotta per avere a Roccella un polo di istruzione superiore dotato di autonomia scolastica, superando una situazione paradossale che vedeva presenti nella cittadina due istituti frequentati da oltre 500 alunni, nessuno dei quali autonomo, con le conseguenze che sono facilmente immaginabili. Dobbiamo dire che la lotta è stata strenua per l’opposizione di alcuni insegnanti e rappresentanti di istituto, le cui ragioni francamente non capivamo e non capiamo. Ma è stata una lotta nella quale abbiamo avuto sempre al fianco la Provincia di Reggio Calabria e la Regione Calabria, ed in particolare l’Assessore regionale al Welfare, dott.ssa Federica Roccisano, che ci sentiamo di ringraziare per la condivisione e il sostegno alle nostre ragioni e alle nostre proposte.

Ora è il momento di rilanciare. Nei prossimi giorni l’Assessore comunale con delega alla Scuola, avv. Bruna Falcone, assieme al Sindaco, prof. Giuseppe Certomà, incontrerà la dirigente scolastica del “Mazzone”,  prof.ssa Rosita Fiorenza ed i rappresentanti dei docenti dei due istituti per definire tute le azioni sinergiche utili al rafforzamento della proposta formativa del neonato Polo di Istruzione Superiore di Roccella Ionica.