Reggio Calabria, Pizzimenti: “una città completamente abbandonata. E’ vergognoso”

Dure parole del consigliere Pizzimenti nei confronti dell’Amministrazione comunale di Reggio Calabria

palazzo san giorgio5In queste settimane estive un crescente malcontento sta dilagando tra i cittadini di Reggio Calabria. Un malcontento dovuto, in particolar modo, all’assenza di acqua e raccolto immediatamente dall’opposizione che ha deciso di far da portavoce all’interno di Palazzo San Giorgio. In una lunga e dura nota stampa il consigliere Pizzimenti ha deciso appunto di attaccare l’amministrazione comunale dichiarando che “E’ veramente triste constatare che la Città di Reggio Calabria è completamente abbandonata. Viviamo senz’acqua, dal centro abitato alla periferia si manifesta palesemente l’inerzia amministrativa. Tra strade dissestate, discariche a cielo aperto, segnaletica inesistente, illuminazione carente, piazze trascurate e arredo urbano pari a zero, anzi in alcuni luoghi ricettacolo di immondizia. Criticità si evidenziano anche nel settore della mobilità, dopo la chiusura al traffico del ponte di Bolano sul torrente Catona, che ha completamente isolato la zona nord della Città, privando i cittadini della fruizione di una arteria importante per il collegamento sulla statale verso Villa San Giovanni. Ci sono voluti 10 giorni per approvare un provvedimento definito “d’urgenza” per verificare la valutazione di idoneità statica del ponte di Bolano, prevista per i prossimi giorni. Quanto tempo servirà ancora per rendere fruibile un’arteria importante per i collegamenti da e per la Città? A tal uopo, parlando di periferie, vi è da evidenziare l’abbandono al proprio destino delle frazioni di Mosorrofa e Sala, come segnalato in una nota agli organi di stampa da Don Labella, il quale ha rappresentato diverse criticità tra cui la carenza del servizio idrico, la scarsa manutenzione del manto stradale, la mancata realizzazione del Campo sportivo – già finanziato – e delle aree attrezzate per i bambini”. “E’ da tempo che sollecitiamo lo stato di degrado e di negligenza che riguarda il verde urbano e la relativa cura, oltre all’inefficienza della manutenzione programmata delle strade, tale da ritrovarci con vie invase da buche, avvallamenti e pozzetti dei servizi senza coperchi. Ciò nonostante permangono i disservizi comunali e crescono anche i disagi, e ai cittadini che pagano le tasse non vengono garantiti i diritti primari, come ad esempio il problema della carenza di acqua che si acuisce in questo periodo estivo, quando i rubinetti rimangono a secco per intere giornate”.

Il Sindaco Falcomatà, e la sua Giunta, ne prendano atto, anzichè avvitarsi continuamente nelle beghe interne di partito, badino a governare la città, che con larghissimo consenso ha affidato loro la responsabilità di amministrare, ma così proprio non è, considerato che ai continui proclami elettorali vengono meno i fatti. Continueremo a vigilare - conclude Pizzimenti – ed offriremo il nostro impegno in una realtà che ancora deve armonizzarsi in un contesto urbano, altro che comune capofila di città  metropolitana. Più volte ci siamo occupati di problemi ambientali, presentando anche varie interrogazioni, ma la situazione non è cambiata, anzi, risulta peggiorata”.