Reggio Calabria, Mauro: “oggi commemoriamo le testimonianze vivide e silenti dei caduti della rivolta”

«Oggi si rinnova la voglia di riconciliazione della Città con la sua storia più recente». L’intervento di Riccardo Mauro rappresentante dell’amministrazione comunale e metropolitana di Reggio Calabria in occasione delle celebrazioni a ricordo dei fatti del  14 luglio 1970

 rivolta di reggio«Qui oggi non si celebra una semplice ricorrenza. Oggi siamo qui per commemorare le testimonianze vivide e silenti dei caduti nella “rivolta di Reggio” e per esprimere il nostro cordoglio alle loro famiglie. Oggi si rinnova la voglia di riconciliazione della Città con la sua storia più recente. Una storia fatta di persone che hanno combattuto per Reggio in una lotta trasversale che, purtroppo, non ha impedito che la nostra terra venisse spoliata. A testimonianza di quella rivolta fu inaugurato nel 2003 questo monumento voluto fortemente dall’amministrazione di Italo Falcomatà così come  recentemente il consiglio comunale ha deciso unanimemente di intitolare la propria aula a Piero Battaglia sindaco del tempo. Oggi più di ieri le divisioni politiche devono tramutarsi in semplici divergenze. È necessario pertanto che ciascuno di noi si impegni nella ricerca delle necessarie convergenze e senta la responsabilità civile e istituzionale di mettere al primo posto il supremo interesse della Città. Oggi come ieri la memoria individuale, i desideri di parte, devono infatti essere soppiantati per risvegliare nei cittadini il senso di appartenenza ad una comunità che è fiera ma fragile. Oggi il ricordo delle persone “cadute” deve essere avvolto nell’unica ideale bandiera della nostra amata Città».