Reggio Calabria: “insufficienza di uomini e mezzi per lo spegnimento degli incendi”

Insufficienza di uomini e mezzi per lo spegnimento degli incendi in Calabria

vigili del fuoco“Grazie all’impegno del sottosegretario Bocci e dei partiti di maggioranza, nell’ambito del decreto legge sugli Enti Locali, è stata approvata una misura che risponde ai bisogni dei Vigili del Fuoco più volte sollecitata dalla Federazione Nazionale della Sicurezza della CISL”. Lo afferma in una nota il segretario generale della FNS CISL, Pompeo Mannone. “Di sicuro i numeri a disposizione del Corpo Nazionale VVF per affrontare l’antincendio boschivo, competenza che già la legge Madia aveva affidato ai Vigili del fuoco nel cui corpo sono transitati circa 400 Forestali insieme agli equipaggi, sono insufficienti per fronteggiare tale complessa ed intensa attività. Inoltre c’è da ricordare che la competenza della prevenzione e dell’estinzione degli incendi boschivi sta in capo alle Regioni fin dall’anno 2000 – aggiunge Mannone – Le Regioni in riferimento alla legge quadro sugli incendi boschivi possono stipulare convenzioni con il CNVVF per assolvere il compito dello spegnimento anche con i mezzi aerei dell’incendio boschivo. Ad oggi in
piena emergenza solo pochissime regioni hanno stipulato con il CNVVF dette convenzioni. Le Regioni inadempienti si stanno assumendo grandi responsabilità nei confronti delle loro comunità per quanto riguarda i danni che si stanno consumando nei confronti del territorio e dell’ambiente. Occorre una nuova legge che affidi tale competenza esclusivamente allo Stato e potenzi il Corpo Nazionale VVF di uomini e mezzi in modo tale – conclude Mannone – da avere garanzie certe sulle responsabilità e sulla certezza del servizio da assicurare al Paese senza il rimpallo di responsabilità che accadono in  tali frangenti in base ad una legislazione non chiara e di stile bizantino”.