Reggio Calabria, grande successo per l’Hitachi: consegnate le ultime carrozze del Vivalto [FOTO, VIDEO e INTERVISTE]

L’Hitachi di Reggio Calabria ha completato la produzione delle carrozze dopo piano Vivalto per il trasporto regionale Trenitalia

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Salutano lo stabilimento di Reggio Calabria le ultime carrozze del Vivalto realizzate da Hitachi Rail Italy per Trenitalia: brindisi nel sito calabrese con le maestranze e le istituzioni del territorio. Le CDPTR – Carrozze Doppio Piano Traporto Regionale – rappresentano un’importante commessa che ha visto la realizzazione di 706 carrozze (126 Semipilota e 580 Rimorchiate) per Trenitalia: alle 350 commissionate attraverso il contratto base del 2010 si sono aggiunte le ulteriori 356 dei tre successivi contratti di opzione (novembre 2013, marzo 2015 e novembre 2015) per un valore complessivo di 987 milioni di euro. La produzione di questi treni ha interessato tutte le fabbriche italiane di Hitachi Rail Italy: Napoli per la realizzazione del carrello su gran parte della flotta complessiva, Pistoia e Reggio Calabria per la carpenteria, i montaggi e allestimenti interni nonché per i test e i collaudi finali con il cliente. Le carrozze che ufficialmente vengono consegnate oggi a Trenitalia sono le ultime delle 280 costruite nel sito calabrese. Il Vivalto, nome con cui Trenitalia ha battezzato il convoglio, è un veicolo a doppio piano, caratterizzato da innovativi elementi di confort e praticità. Nella composizione a 6 casse, cinque rimorchiate più una semipilota, dispone di 725 posti a sedere e, tenendo conto anche dei posti in piedi, di una capienza complessiva di circa 1.300 posti. Il treno, dotato di comodo accesso per disabili, può raggiungere la velocità massima di 160 km/h. Presenta un alto livello di comfort e sicurezza legato alla massima fruibilità degli spazi con ampie superfici vetrate che offrono grande visibilità e luminosità. Il convoglio è equipaggiato di un impianto antincendio di ultima generazione e di un impianto di videosorveglianza predisposto per la visualizzazione delle immagini in tempo reale sui monitor di bordo.

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Oggi confermiamo, ancora una volta, la nostra capacità di fornire un prodotto all’avanguardia rispettando i tempi di consegna. Tanti ed importanti sono stati i cambiamenti che hanno interessato diverse aziende del raggruppamento di cui Hitachi Rail Italy è Main Contractor per la realizzazione di questa commessa. Potendo contare sull’impegno delle nostre fabbriche siamo riusciti a presentarci al nostro maggiore cliente come partner affidabile non solo per l’attenzione agli accordi contrattuali ma anche per la qualità del prodotto. Il trasporto regionale rappresenta un segmento importante nel nostro portafoglio prodotti. Hitachi Rail Italy, con il Vivalto nel presente e il Rock nel prossimo futuro, punta a innovarlo continuamente soprattutto dal punto di vista della sicurezza, della tecnologia e della sostenibilità” dichiara Maurizio Manfellotto, CEO Hitachi Rail Italy. “Con le oltre 700 carrozze Vivalto acquistate nel corso di questi ultimi anni, che vanno a comporre circa 126 treni ad alta frequentazione, Trenitalia ha impresso una decisa svolta nell’ammodernamento della sua flotta regionale – ha dichiarato Barbara Morgante, amministratrice delegata di Trenitalia. – A quella svolta stiamo dando un’accelerazione risolutiva con la gara per i 135 treni alimentati a gasolio, lanciata qualche settimana fa, e con l’accordo quadro per la fornitura di 450 elettrotreni, 300 dei quali usciranno proprio dagli stabilimenti di Hitachi a partire dal 2019.” “Stiamo parlando – ha concluso Morgante – di treni di ultimissima generazione nei quali materiali e soluzione tecnologiche di assoluta avanguardia consentiranno di coniugare il massimo comfort per i viaggiatori con eccellenti prestazioni, estrema sicurezza, sostenibilità e risparmio energetico. Qualità che hanno già assicurato da parte del GSE un percorso privilegiato verso l’acquisizione dei Certificati Bianchi“.

E’ importante per la città di Reggio Calabria produrre qui questi treni. Noi abbiamo allo stesso tempo i mezzi e le risorse per migliorare. Lavoreremo per una metropolitana in superficie che colleghi l’area da Melito Porto Salvo fino a Rosarno . Inoltre l’obiettivo dell’amministrazione è quello di lavorare per incrementare l’occupazione nell’area metropolitana istituendo dei tirocini formativi con l’Università che possano favorire la crescita del territorio” ha dichiarato il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà. “E’ un grandissimo piacere essere qui a Reggio Calabria per visitare questa realtà che è un fiore all’occhiello per tutto il territorio nazionale. Siamo partiti quasi dal nulla e abbiamo licenziato due importanti progetti: il Piano regionale dei trasporti e una legge del ripristino del trasporto pubblico locale” ha dichiarato l’assessore Musmanno. Presenti anche le organizzazioni sociali, i quali hanno prestato attenzione sulle “possibilità di occupazione che il territorio offra. Un occupazione stabile e positiva che deve continuare a crescere nella speranza che possa raggiungere l’apice sfiorato negli anni passati” come dichiarato dal segretario della CGIL Gregorio Pititto. “L’Hitachi è un ambiente positivo, sano e fondamentale per la città di Reggio Calabria. Il centro è un importante punto di riferimento grazie soprattutto al clima di serenità e positiva in cui i lavoratori vivono e operano“, ha dichiarato Luca Borghetti il segretario Generale della Fiom di Reggio Calabria.

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
Foto StrettoWeb / Salvatore Dato