Previsioni Meteo, ecco perchè nei prossimi giorni in Calabria e Sicilia torneranno temperature di oltre +40°C

Previsioni Meteo, nei prossimi giorni tornerà il gran caldo per l’ennesima vampata del “Gobbo di Algeri”: temperature in forte aumento tra il weekend e l’inizio della prossima settimana

CaldoPrevisioni Meteo- Da oggi inizierà un periodo della durata di circa una settimana, che vedrà le temperature in progressivo e costante rialzo in tutt’Italia. Il culmine di quest’ondata di calore sarà nei primi giorni della prossima settimana, soprattutto martedì 25 luglio, allorquando il Meridione di Italia sarà alle prese nuovamente con valori termici fuori dalle medie abituali e si toccheranno ancora i +40°C (e oltre) in molte località. Ecco cosa succederà.  Da oggi fino a domenica 23 luglio, l’anticiclone africano avvicinerà la sua cuspide oriente, la più calda cioè, alla nostra Penisola senza però raggiungerla con il suo nucleo più caldo. Questa situazione favorirà l’ingresso in quota su tutta l’Italia di isoterme ai 1500 metri, con valori di circa +20°C. Le temperature al suolo saliranno ovunque toccando punte di +38°C nelle aree interne poco ventilate e distanti dalle coste. Più diffusi valori di +35°C. Farà comunque caldo, ma senza eccessi esagerati. Domenica 23 luglio in quota si formerà una saccatura ben visibile dalle mappe a 300 hPa caratterizzata dal suo ramo ascendente posizionato sul Basso Tirreno, la quale richiamerà un intenso flusso da Sud-Ovest. Sarà proprio questa condizione che farà risalire l’Anticiclone Africano ancora più a Nord, portandolo a toccare la Sicilia. Le isoterme in quota sul Meridione cresceranno e diverranno quelle da +25°C e  così le temperature  su Sicilia, fascia jonica del Sud fino al Golfo di Taranto toccheranno nuovamente i +40°C al suolo, con punte fino a +43°C nelle zone interne. Il “clou” di questa nuova ondata di caldo durerà 48 ore, ma saranno due giornate roventi che vedranno nuovamente esposte le regioni del Sud  a condizioni insopportabili ed assai probabilmente al Rischio incendi. Col trascorrere delle ore la saccatura si sposterà verso Est ed entreranno in gioco le correnti atlantiche che faranno discendere le temperature ovunque. Sarà questo – dal 26 luglio in poi – l’inizio del “break estivo”, già annunciato nei giorni scorsi.