Previsioni Meteo, caldo senza precedenti: Agosto inizia con 10 terribili giorni di inferno africano

Previsioni Meteo, il caldo inizia a fare sul serio:già oggi raggiunti i +40°C a Benevento, Alghero, Sassari e Oristano, +39°C a Firenze, Prato e Siena, +37°C a Roma, Napoli e Perugia. Ma l’ondata di calore deve ancora iniziare…

termometro-caldoPrevisioni Meteo- L’Italia inizia a infuocarsi: le temperature sono elevatissime, soprattutto in Sardegna dove diverse località hanno oggi superato il muro dei quaranta gradi, picco massimo toccato addirittura a Benevento e sfiorato in molte località di Lazio e Toscana. E’ solo l’antipasto della grande ondata di caldo – senza precedenti storici da almeno 8 secoli – che inizierà domani, Martedì 1° Agosto, e durerà circa dieci giorni. Il picco del caldo sarà tra Giovedì 3 e Domenica 6 Agosto, ma almeno fino alla metà della prossima settimana vivremo un periodo terribile, in tutt’Italia, dal clima infernale. Le temperature raggiungeranno picchi senza precedenti storici in moltissime località del nostro Paese. Ma andiamo con ordine.

Ecco le temperature massime registrate oggi: +42°C a Carbonia, +40°C a Benevento, Alghero, Sassari e Oristano, +39°C a Firenze, Siena, Prato, Empoli, Pontedera e Guidonia, +38°C a Caserta, Frosinone, Tivoli, Orvieto, Arezzo, Cosenza, Pisticci e Monterotondo, +37°C a Roma, Napoli, Perugia, Taranto, Lecce, Viterbo, Avellino, Pistoia, Matera, Gualdo Tadino, Ronciglione, Acquapendente e Tempio Pausania, +36°C a L’Aquila, Parma, Latina, Ferrara, Carpi, Putignano, Merano, Siracusa, Avezzano, Tuscania e Iglesias, +35°C a Bologna, Padova, Mantova, Modena, Pisa, Grosseto, Reggio Calabria, Jesi e Campobasso, +34°C a Brescia, Cagliari, Vicenza, Trapani e Potenza, +33°C a Milano, Catania, Bolzano, La Spezia, Martina Franca e Trento , +32°C a Genova, Bari, Salerno, Novara, Bergamo, Treviso e Olbia.

Domani, Martedì 1 Agosto, avremo ovunque tra 2 e 4°C in più, con picchi di +40°C e oltre, sempre più diffusi sul territorio italiano. E sarà solo l’inizio di quest’eccezionale ondata di caldo che non riscontra precedenti da quando esistono i rilevamenti empirici dei dati meteorologici (e cioè da circa 200 anni o, nelle migliori delle ipotesi, 250 anni), ma neanche nei secoli precedenti, secondo le ricostruzioni climatiche avvenute in base a carotaggi glaciali, studi comparati e trascrizioni storiche. Bisogna risalire al periodo di caldo medievale che ha preceduto la Piccola Era Glaciale, quindi alla fase mite compresa tra 1.000 e 1.300 d.C., per ipotizzare un episodio analogo a quello dei prossimi giorni nel nostro Paese.

Gli ultimi aggiornamenti confermano la possibilità di raggiungere (o sfiorare) i +45°C sia a Roma che a Firenze, e di superare abbondantemente i +40°C un po’ ovunque al Centro/Nord, tra Bologna, Perugia e L’Aquila. Ci sarà da soffrire parecchio, e l’emergenza siccità si aggraverà in modo davvero drammatico.