‘Ndrangheta stragista: indagato Giovanni Aiello, l’ex agente di polizia conosciuto come “faccia da mostro”

Giovanni Aiello, l’ex agente di polizia, è indagato dalla Procura di Reggio Calabria

Foto StrettoWeb / Simone Pizzi

Foto StrettoWeb / Simone Pizzi

La Procura di Reggio Calabria indaga su Giovanni Aiello, l’ex agente di polizia ritenuto vicino ai Servizi Segreti e noto come “faccia da mostro”. Aiello, che e’ entrato nelle indagini della Dda di Palermo piu’ volte, ultima quella sull’omicidio mai risolto dell’agente Nino Agostino e della moglie Ida Castellucci, e’ soprannominato “faccia da mostro” per la ferita che gli deturpa il volto. Nell’inchiesta reggina sulle stragi degli anni ’90 nota con il nome di “Ndrangheta stragista”, Aiello è indagato per induzione a rendere dichiarazioni false all’autorità giudiziaria. Secondo i pm di Reggio Calabria, che hanno individuato nei boss Giuseppe Graviano e Rocco Santo Filippone i mandanti degli attentati, Aiello avrebbe costretto l’ex capitano dei carabinieri Saverio Spadaro Tracuzzi a mentire agli inquirenti sui suoi rapporti con lo stesso Aiello e sul suo ruolo nella ‘ndrangheta reggina. Il reato e’ inoltre aggravato dall’avere agevolato la ‘ndrangheta.