‘Ndrangheta, M5S: “Oliverio mandi via l’assessore indagato”

Carabinieri foto repertorio“Il governatore della Calabria, Mario Oliverio, tolga subito dalla sua giunta l’assessore Carmen Barbalace, accusata di abuso d’ufficio in concorso, truffa aggravata e truffa aggravata per il conseguimento delle erogazioni pubbliche nell’ambito della recente inchiesta “Mandamento”, della Dda di Reggio Calabria”. Lo affermano, in una nota, i parlamentari del M5s Dalila Nesci, Paolo Parentela, Federica Dieni e Nicola Morra, insieme all’europarlamentare 5stelle Laura Ferrara. “E’ chiaro a tutti – scrivono in una nota i parlamentari grillini – che Barbalace non puo’ restare un secondo in piu’ alla guida dell’assessorato alle Attivita’ produttive, dovendosi accertare se abbia o meno favorito un altro indagato, che per la magistratura avrebbe percepito fondi pubblici proprio grazie all’aiuto dell’assessore in questione. Stavolta – proseguono i parlamentari Cinque Stelle – ci aspettiamo un gesto coerente da Oliverio, che ha parlato ovunque di legalita’ ma e’ rimasto silente e immobile per altre vicende giudiziarie che hanno interessato la sua maggioranza. Oltretutto, nello specifico Barbalace e’ una dipendente della Regione Calabria, chiamata dallo stesso Oliverio a svolgere un delicato ruolo di indirizzo, proprio in un settore fondamentale, che riguarda la concessione di risorse pubbliche a privati. Ci auguriamo – concludono i Cinque Stelle – che la magistratura antimafia vada sino in fondo nelle verifiche relative agli uffici regionali interessati, nell’interesse della comunita’ e della politica calabrese”.