‘Ndrangheta, 116 arresti a Reggio Calabria: cosche infiltrate in appalto del tribunale della città dei Bronzi

Reggio Calabria Tribunale nuovo in costruzioneDall’indagine ‘Mandamento jonico’ del Ros di Reggio Calabria, che ha portato oggi in carcere 116 persone, è emersa l’importanza e il prestigio delle cosche Cataldo e Cordì. Protagoniste di una storica faida iniziata sul finire degli anni ‘60 che ha insanguinato, in varie fasi, il centro locrese, oggi secondo la ricostruzione degli investigatori le due rivali si sarebbero riappacificate riuscendo a infiltrarsi in appalti pubblici, come quello della realizzazione del nuovo tribunale di Locri. La locale di Locri, sciolta infatti a fine anni ’90 su decisione dei vertici della ‘Ndrangheta a causa dell’ennesima recrudescenza della faida tra le cosche rivali Cataldo e Cordì, secondo gli investigatori avrebbe ultimamente raggiunto una formale pacificazione con l’obiettivo comune di riattivare il locale per rientrare nel consesso ‘ndranghetista da cui erano state escluse. L’indagine ha consentito di accertare le azioni della cosca Cataldo volte a conseguire il controllo di alcuni alloggi popolari di Locri. In tale contesto i carabinieri hanno individuato i dettagliati organigrammi delle due cosche e di quelle satellite, e documentato l’esecuzione di diverse estorsioni a imprese ed esercizi commerciali, e l’infiltrazione negli appalti pubblici per la realizzazione del nuovo palazzo di giustizia, dell’ostello della gioventù, del centro di solidarietà Santa Marta e di istituti scolastici, nella gestione di terreni pubblici e nell’assegnazione degli alloggi popolari. L’indagine è stata svolta grazie a un elevato numero di intercettazioni e servizi di osservazione, resi difficili dalla particolare situazione ambientale dei centri aspromontani, oltre che con l’esame di materiale documentale e dichiarazioni di collaboratori di giustizia. In ‘Mandamento jonico’ trovano inoltre riscontro i filoni investigativi nati e già approfonditi dalle indagini Meta, Solare, Reale, Crimine, Saggezza, Morsa e Acero.

Reggio Calabria, storico colpo alla ‘Ndrangheta: ecco tutti i NOMI dei 116 arrestati [DETTAGLI, INTERCETTAZIONI e VIDEO]

‘Ndrangheta, 116 arresti a Reggio Calabria. Le intercettazioni del figlio del boss: “qui lo Stato sono io”