Migranti: l’Austria pronta a schierare l’esercito per bloccare il flusso proveniente dall’Italia

L’annuncio del ministro della Difesa austriaco: “Dobbiamo prepararci per gli sviluppi della situazione migratoria in Italia”

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Saranno  75o i soldati che l’Austria si prepara a dispiegare sul confine con l’Italia, al passo del Brennero, per  far fronte al flusso di Migranti da sud.  A dichiararlo è il ministro della Difesa austriaco, Hans Peter Doskozil, “Dobbiamo prepararci per gli sviluppi della situazione migratoria in Italia. Mi aspetto che i controlli al confine siano attivati molto presto e sia richiesta l’assistenza”, ha affermato Doskozil al quotidiano austriaco Krone Zeitung.  Il ministro ha preciso che ciò è  ”indipensabile, se il flusso dall’Italia non diminuirà”. Le forze militari, potranno essere “pienamente operative entro 72 ore, in caso di allarme lanciato dai servizi competenti”. Parte del dispiegamento, precisa inoltre, potrà entrare in azione in tempi ancora più veloci. Domenica il ministero della Difesa ha inviato quattro carri armati in Tirolo, in modo che siano pronti a essere utilizzati per bloccare le strade al valico se necessario. La minaccia austriaca arriva alla vigilia del vertice dei ministri dell’Interno Ue a Tallinn, previsto il 6 luglio e in cui si discuterà dell’ emergenza sbarchi in Italia. L’Austria già nel 2015, quando ci fu la  grande ondata di migranti dalla ‘via balcanica’ verso la Germania, aveva introdotto controlli e blocchi alla frontiera con la Baviera e aveva inoltre  minacciato la costruzione di un muro al Brennero, per chiudere l’ingresso dal Sud dei profughi. La questione si era poi risolta con un rafforzamento dei controlli su entrambi i lati della frontiera austro-italiana. Ieri da Bruxelles si è appreso che anche Francia e Spagna sono poco propensi a dare una mano all’Italia sulla questione più urgente e più scottante: l’eventuale apertura dei loro porti alle imbarcazioni cariche di migranti che ogni giorno approdano nel Sud italiano.