Messina, Gran Camposanto senza bus. Gioveni: “Si riattivi il servizio”

Il Gran Camposanto di Messina da più di un anno senza servizio navetta, Gioveni: “Le conseguenze del disservizio sono numerose, sotto il profilo sociale, economico ed occupazionale”

CIMITERO-MESSINALo scorso 24 gennaio avevo depositato alla vostra attenzione una petizione popolare di 214 firme che faceva seguito, oltre a delle proprie precedenti richieste, persino alla nota del sig. Assessore ai cimiteri n. prot. 309213 del 28 novembre 2016 con la quale si invitavano i Dipartimenti competenti a predisporre nuovamente il servizio di trasporto interno al Gran Camposanto con bus navetta“- così scrive il consigliere Libero Gioveni in un’interrogazione rivolta al sindaco, agli assessori Cacciola e Ialacqua e al direttore Atm De Almagro.

Evidentemente- commenta il consigliere- nemmeno questa chiara “volontà popolare” è bastata a convincere codesta Amministrazione (o quanto meno a farla adoperare in questo senso) a riattivare finalmente il prezioso servizio all’interno del cimitero monumentale! Appare superfluo rimarcare il fatto che la presenza di un bus navetta, assente ormai da 1 anno, si renda necessario sia per garantire la mobilità interna ai numerosi anziani e disabili che desiderano fare visita ai propri cari scomparsi e che in atto risultano impossibilitati, sia per dare un nuovo impulso alle attività commerciali dei numerosi fiorai che operano nel perimetro della struttura e che, a seguito del netto calo dei visitatori, rischiano seriamente di chiudere le loro attività!

Tra l’altro- continua Gioveni- le conseguenze di questo increscioso disservizio sono numerose, sotto il profilo sociale, economico ed occupazionaleSarebbe opportuno- conclude il consigliere- attivarsi con urgenza per la ripresa del regolare servizio di trasporto interno al Gran Camposanto“.