Messina: eleganza e stile alla selezione di “Miss Bedda del Sud” [FOTO]

Francesco Bonaccorso

Francesco Bonaccorso

Fin dalla notte dei tempi è notorio che il Meridione d’Italia, crocevia di molteplici etnie, rappresenta il luogo dove si possono trovare donne d’incantevole fascino, le cui fattezze ricalcano i tratti delle dee elleniche e fenicie: lo sa bene Maria Savina Proscia, titolare del sodalizio “MP Eventi”, che ha organizzato la prima edizione del concorso “Miss Bedda del Sud” per celebrare la bellezza femminile presente in un territorio stupendo quale è il Sud. È la stessa Maria Savina Proscia a spiegare l’intento della manifestazione: “Sicilia, Calabria, Basilicata, Puglia e Campania costituiscono un serbatoio di bellezza ed il termine bedda vuole racchiudere concettualmente tutte le qualità positive della donna meridionale. – ha chiosato la dinamica patron – A ciò si aggiunga la finalità alle prime tre vincitrici di ottenere un contratto per un anno nel settore della moda e dello spettacolo”. L’evento si è svolto in due fasi: dapprima le tredici partecipanti hanno sfilato per le vie del capoluogo peloritano a bordo ciascuna delle auto storiche “FIAT 500” ricordando i bei momenti della piccola prestigiosa vettura, circostanza resa possibile da Salvatore Genitori, responsabile del “Team 500”; in seguito sotto l’obiettivo attento e professionale del fotografo Francesco Bonaccorso e dirette dalla coreografa nonché testimonial, la splendida Martina Carrozza, che ha ricoperto anche il ruolo di presidente di giuria, le aspiranti alla finale hanno dato vita all’agone estetico al ristorante “Duca di Windsor” presentandosi preliminarmente con un balletto sulle note del brano “Voglio ballare con te” di Baby K ed effettuando in seguito rispettivamente un défilé in costume da bagno (dove peraltro hanno risposto alle domande poste loro dai componenti la giuria), una passerella in abiti casual a cura di Carmen Borraccino, titolare di “Jazz Jeans & Moda”, sito in via Palermo ed in via G. Bruno, infine in abbigliamento elegante. Negli intermezzi spazio per la giovane promessa canora Desiree Assenza, esibendosi nelle cover “I surrender” e “Can’t live if living is without you” di Celine Dion ed “I have nothing” di Whitney Houston, per la scuola “Dancing Ros” di Rosalinda Panarello, che ha ballato con Federico Pasquale, in arte “Paquito”, in un tango e con i relativi allievi in ritmi di samba e rumba, e dulcis in fundo per il cantante salsero Sebastian, che ha interpretato “Esta son Lisa” e “Quiero valer”. Dal vaglio diligente della giuria sono state decretate le seguenti finaliste: Naomi Coglitore, Loredana Galofaro, Aurora Mazza, Lucrezia Pappalardo, Elisea Romano, Iole Ruta, Giovanna Salvadore, Valeria Scandurra, Beatrice Stoica. Visibilmente felici le nove ragazze: “È stato emozionante per me alla prima esperienza, in cui mi sono divertita tantissimo”, ha dichiarato Lucrezia Pappalardo, venticinquenne catanese, laureanda in Giurisprudenza; “Ho provato una commozione grandissima ed inaspettata”, ha detto Valeria Scandurra, sedicenne studentessa messinese; “Un’inattesa sensazione che corrobora l’intento di continuare su questa strada per diventare modella”, ha attestato Loredana Galofaro, diciottenne studentessa messinese; “Un’immensa gioia, che aumenta l’autostima e fa perseverare nella volontà di affermarmi nella moda con la semplicità”, ha sostenuto Aurora Mazza, sedici anni studentessa peloritana; “Non ci speravo, ma poi mi sono ricreduta. Ho iniziato per gioco. Per me la moda ha bisogno di spontaneità e personalità”, ha spiegato Giovanna Salvadore, sedicenne studentessa messinese; “Una bellissima meraviglia, di cui ancora stento a crederci. Preferisco indossare capi eleganti, perché penso di dare il meglio di me col portamento e sorriso”, ha affermato Naomi Coglitore, sedici anni studentessa peloritana; “Sono molto felice e spero di dare il meglio di me stessa alla finale con una buona affermazione”, è il commento di Iole Ruta, studentessa diciassettenne messinese. Dinanzi a tanta avvenenza e perseveranza la finale, prevista per i primi di agosto, pronostica un’atmosfera non solo di sana competizione, ma anche di classe, che lo staff di “MP Eventi”, guidato da Maria Savina Proscia, ha ostentato del tutto egregiamente.

Foti Rodrigo

 

 

Francesco Bonaccorso
Francesco Bonaccorso
Francesco Bonaccorso