Messina: Camaro San Luigi “terra abbandonata”

Messina, degrado e incuria a Camaro San Luigi. Cacciotto e Gioveni: “il quartiere che da molti anni è caduto nel dimenticatoio”

camaro messina 2Durante la campagna elettorale, l’attuale Sindaco, in lungo e in largo da vero stacanovista fece capolino in tantissimi villaggi, in diverse periferie, facendo sentire la presenza di una politica di cambiamento, di una politica nuova che partendo dal basso avrebbe avuto maggiore attenzione verso i territori da sempre meno o meglio per nulla attenzionati. Purtroppo però, cambiano le Amministrazioni ma, il risultato è sempre lo stesso: non c’è posto, non c’è tempo, non ci sono risorse per i villaggi- scrivono in una nota rivolta al sindaco e agli assessori Ialacqua e De Cola i consiglieri Cacciotto e Gioveni. “Camaro S. Luigi, è un fazzoletto di territorio popolare che per le sue attuali condizioni sembra essere il risultato di un evento bellico. In realtà è un quartiere che da molti anni è caduto nel dimenticatoio, nonostante disti pochi chilometri dal centro città”. “Per onestà intellettuale- continuano i due consiglieri- urge sottolineare che Messinambiente ha spesso effettuato interventi di scerbatura che non possono comunque cambiare volto ad un territorio in piena difficoltà, “costretto” oggi anche a convivere con la baraccopoli che si sta creando all’interno dell’ex caserma Gasparro.

camaro messinaI problemi a Camaro S. Luigi sono davvero tanti”. Le stradine che attraversano il Villaggio sono ridotte in pessime condizioni; analogo discorso per i marciapiedi. Su tutte la via Saverio Parisi è ridotta veramente al collasso. Ovviamente- commentano i consiglieri- le griglie di raccolta acqua piovana non ricevono manutenzione da tempi immemorabili“.  Altro problema poi quello della  scerbatura e potatura: “nonostante degli interventi nei mesi scorsi, non è certamente possibile scerbare l’area una volta l’anno; la vegetazione così come le sterpaglie hanno fatto nuovamente da cornice al popoloso quartiere. Per la potatura qui il disinteresse istituzionale è totale“. “Non è possibile assistere a continue giustificazioni. Anche il Consiglio Circoscrizionale si è espresso con una delibera rimasta totalmente inevasa. L’arredo urbano è inesistente: servirebbero almeno delle panchine e anche una piccola area attrezzata per i bambini. Infine, ma non per importanza, Camaro S. Luigi necessita di una maggiore attenzione anche per quel che concerne lo spazzamento. In particolare è necessario un operatore ecologico, in pianta stabile nel villaggio dal momento che, i due operatori presenti non riescono per ovvi motivi a coprire l’intera vallata di Camaro ed anche il vicino viale Europa. Insomma- concludono Cacciotto e Gioveni- i problemi non mancano e l’Amministrazione è chiamata a dare risposte anche ai villaggi, alle periferie che credevano, con l’elezione di un Sindaco che inneggiava la ripartenza dal basso, una minima considerazione ed attenzione che ancora non si è vista”. I consiglieri invitano l’Amministrazione ad effettuare in tempi brevi un sopralluogo dell’intero quartiere, “per rendersi conto, anche personalmente, che quanto rappresentato  è specchio fedele della realtà nella quale purtroppo tanti concittadini sono costretti a convivere“.