Messina, approvazione in Commissione all’Ars della proposta di istituzione del Parco dei Peloritani

A Messina la miglior risposta alla furia criminale incendiaria arriva dall’approvazione in Commissione all’Ars della proposta di istituzione del Parco dei Peloritani

palazzo zanca messina (3)L’approvazione in Commissione all’Ars della proposta di istituzione del Parco dei Peloritani, insieme alla proposta riguardante il Parco degli Elimi in provincia di Trapani, costituisce la migliore risposta alla furia criminale incendiaria e devastatrice, che ha colpito con metodi terroristici buona parte del patrimonio boschivo e vegetale proprio dei territori delle province di Messina e di Trapani. È auspicabile che l’assemblea regionale approvi al più presto la legge istitutiva dei due Parchi, che costituisce solo il primo passaggio di un processo articolato, che potrà anche vedere la delimitazione delle aree interessate dalla costituzione del Parco, e l’individuazione di meccanismi di “governance” più snelli rispetto a quelli già sperimentati. Così si verrebbe a prefigurare sempre più, nonostante I criminali che hanno tentato di colpire al cuore l’immagine della nostra regione e della nostra provincia, una Sicilia Verde in condizione di presentare una offerta turistica più variegata, in cui la Provincia di Messina (ora Area Metropolitana), possa essere vista come la ” Provincia dei Parchi”, con la possibilità, sulla base delle best practises realizzate negli ultimi anni dal Parco dei Nebrodi, di realizzare una ” Rete dei Parchi”,  con una eventuale sinergia operativa, che possa mirare anche ad una riduzione dei costi di funzionamento. Perché la creazione di un Parco naturale significa innanzitutto attuare meccanismi di tutela, preservazione e valorizzazione di un patrimonio che appartiene a tutti e non soltanto ad alcune categorie oltre che, come nel caso del Parco dei Peloritani, individuare le condizioni per una possibile ripresa economica e sociale dei centri dell’entroterra, condannati, secondo studi recenti di settore, ad un progressivo ed inarrestabile depauperamento demografico e solo chi vuole cavalcare la demagogia fondata sulle menzogne e sulle disinformazioni può definire la nascita del Parco dei Peloritani “una porcheria”, all’insegna di quel neo-terrorismo della parola e del linguaggio (ormai di moda anche in certi salotti borghesi), che guarda sempre di più alla “pancia” ed alle emotività irrazionali  ed egoistiche che al cervello. Anche se, è proprio quello che è avvenuto in questi giorni di devastazione, dovrebbe rammentarcelo, il sonno della ragione genera I mostri.