Locri: la Sinistra Italiana chiede che riprendano i lavori sulla raccolta differenziata

La Sinistra Italiana Locri chiede che riprendano i lavori sulla raccolta differenziata

 raccolta-differenziataLa Sinistra Italiana di Locri chiede a gran voce in una nota stampa il ripristino dei lavori sulla raccolta differenziata. “Atteggiamenti volti a smaltire “fai da te” i rifiuti bruciandoli, come quello avvenuto a Locri poche ore fa sono da condannare fermamente. Se al cittadino può sembrare una soluzione pratica dare fuoco ai rifiuti non raccolti che generano un ingombro per la viabilità ed un cattivo odore, tale “soluzione” non può essere nemmeno lontanamente considerata valida. In primis di sicuro per i danni che arreca alle persone ed alla salute, ma anche e soprattutto perché certifica il fallimento della politica ambientale dell’ amministrazione” che evidentemente non ha saputo dare una giusta risposta alla questione.  Mentre intorno alla Città di Locri si moltiplicano gli esempi virtuosi di amministrazioni che stanno attuando e migliorando la raccolta differenziata viene naturale chiedersi come mai questo correttivo in grado di dare la giusta risposta alla problematica “rifiuti” non sia mai partito. Durante il consiglio del 31 maggio scorso, che ha sancito il dissesto a Locri abbiamo appreso che tale buona pratica “sostanzialmente pronta” non sarebbe più stata portata avanti a causa del appena dichiarato stato di insolvenza. Pur rendendoci conto che la situazione finanziaria è delicata, sembra poco pertinente che gli sforzi prodotti fino a quel momento siano resi vani, per due motivi; il primo è che dalla realizzazione della catena della differenziata il sistema finanziario della città ne può solo beneficiare, il secondo è  che si limiterebbero i comportamenti scorretti  adottati sia dai poco volenterosi che dai propri comuni sverserebbero, sempre in base a quanto appreso nel medesimo consiglio, nei cassonetti  locresi usando come deterrente  la medesima soluzione adottata nei loro territori in modo da minimizzare i comportamenti opportunistici, ed anche dai piromani che danneggiano arredo urbano e ambiente. Chiediamo dunque ufficialmente che l’amministrazione per contrastare questi comportamenti poco edificanti sui rifiuti riprenda i lavori sulla raccolta differenziata collaborando proprio con le amministrazioni limitrofe al fine di creare un fronte comune  e ci appelliamo ai concittadini affinché incrementino il riuso e razionalizzino i consumi riducendo la mole di spazzatura, unendosi con i comportamenti  alla nostra richiesta” conclude la nota stampa.