Il Cosenza ritira la maglia n. 8 di Denis Bergamini: stasera ultima apparizione in attesa della verità

Il Cosenza ritirerà la maglia n. 8 di Denis Bergamini fin quando non sarà fatta piena luce sulla morte del calciatore.

denis bergaminiIl Cosenza Calcio ritirerà la maglia n. 8 di Denis Bergamini fin quando le vicende giudiziarie non faranno piena luce sulla morte misteriosa del calciatore emiliano. La società rossoblù ha deciso di sostenere la causa della famiglia che, a distanza di 28 anni vuole conoscere la verità sulla morte di Denis e sui fatti accaduti la notte del 18 novembre 1989. In occasione di Cosenza – Alessandria valevole per il primo turno della Tim Cup 2017/2018, Domenico Mungo indosserà l’ultima volta il numero 8 che lo stesso che Bergamini vestì per cinque stagioni, tprima della prematura morte. Come tutti ricordano l’amato e mai dimenticato calciatore del Cosenza Calcio morì in circostanze misteriose lungo la SS 106 jonica il 18 novembre 1989 nei pressi di Roseto Capo Spulico. Il caso non archiviato grazie alla lotta costante della sorella Donata e della famiglia oltre la richiesta di svolgere nuove e approfondite indagini era arrivata su richiesta dal procuratore di Castrovillari  Eugenio Facciolla sta facendo luce  su una vicenda che a distanza di 28 anni è ancora avvolta nel mistero. Il 15 maggio 2013 viene notificato un avviso di garanzia, da parte della procura di Castrovillari, all’ex fidanzata Isabella Internò, sospettata di omicidio. Nel giugno del 2017 il GIP di Castrovillari dispone la riesumazione della salma per effettuare l’autopsia.

Autopsia 11 Luglio 2017

denis bergaminiCosì dopo l’11 luglio 2017, un importante novità emerge fuori dalle indagini: dai primi risultati dell’autopsia eseguita sui resti del corpo di Bergamini, risulta che il calciatore di Argenta non si sarebbe suicidato gettandosi sotto un camion, come invece ha sempre sostenuto la sua ex fidanzata; lo squarcio sul corpo del giovane calciatore risulta aperto sulla pancia e non sulla schiena, il che dimostrerebbe che, contrariamente a quanto evidenziato dalle fotografie effettuate subito dopo l’incidente, Denis Bergamini fosse coricato supino e non prono. I medici legali incaricati di effettuare l’autopsia del corpo del calciatore hanno quattro mesi per depositare le loro risposte. Sono in corso anche altri accertamenti dei RIS sulla Maserati di Bergamini. In attesa di giustizia  e vertità il Cosenza ha già deciso, la maglia sarà archiviata il ricordo non svanirà mai.