Emergenza incendi a Reggio Calabria: l’unità di crisi attivata dal Prefetto continua ad operare

Incendi 1Procede, senza soluzione di continuità, l’attività di coordinamento delle operazioni antincendio da parte dell’Unità di crisi istituita dal pomeriggio dello scorso 9 luglio dal Prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari. Numerosi e vasti sono i fronti di fuoco che continuano a divampare nel territorio provinciale. Dalle prime ore dell’odierno pomeriggio altri incendi si sono sviluppati nei comuni di Bianco, Seminara, Canolo, Taurianova, Bovalino, Campo Calabro, Santo Stefano d’Aspromonte, Palmi e Reggio Calabria. In particolare, nel Capoluogo, oltre l’incendio riattivatosi in mattinata nella frazione Ortì, si è aperto un altro fronte di fuoco nella Frazione di Vito Superiore rendendo necessario il temporaneo allontanamento, in via precauzionale, dei residenti che, una volta superata l’emergenza, hanno potuto fare rientro alle loro abitazioni. Sono impiegate tutte le squadre dei Vigili del Fuoco del locale Comando Provinciale nonché squadre dell’Azienda Calabria Verde, alla quale sono affidate ai sensi dell’art. 4, comma 1, della L.R. 16 maggio 2013, n. 25, le attività regionali di prevenzione e lotta agli incendi boschivi oltre alle associazioni di volontariato di protezione civile operanti in questa provincia. Dalle otto di stamattina alle venti di stasera i Vigili del Fuoco sono stati impegnati in 108 interventi con l’impiego di 104 uomini, 5 DOS e 21 squadre del comprensorio provinciale. L’Unità di crisi continuerà ad operare H24 atteso il persistere delle criticità.