Serie C, riammissioni e ripescaggi: Triestina adesso in “pole”, il Rende ha tutte le carte in regola

Riammissioni e ripescaggi tengono con il fiato sopseso dirigenti di società che ambiscono alla Serie C 2017/2018: la Triestina c’è, a Rende la speranza è sempre più viva

Serie D Lega ProMolti tifosi di calcio si mantengono abbastanza distanti da quelle vicende societarie incerte e che attanagliano sempre più la bellezza del calcio minore. Arduo è il compito degli addetti ai lavori nel districarsi in vicende che riguardano passaggi di società, iscrizioni a campionati spesso giocati tra tribunali e sedi legali. I club della ex serie C faticano a far quadrare i conti e dopo aver lasciato spesso per mesi i giocatori senza stipendio falliscono uno dietro l’altro: le squadre sparite dal 2000 ad oggi sono state più di 100. Pertanto anche quest’anno entriamo nel clou della fase calda che sancirà verdetti e l’elenco ufficiale delle squadre partecipanti al prossimo campionato di Serie C 2017/2018. Il primo passaggio al traguardo del 30 giugno non ha mietuto vittime, o perlomeno al momento. Infatti  tutti i club aventi diritto  hanno presentato domanda di iscrizione al campionato di Serie C, (anche Catanzaro, Messina, Maceratese, Akragas), adesso, non resta altro che attendere la metà di luglio quando la Lega, sulla base delle iscrizioni pervenute lo scorso 30 giugno ed il deposito delle fideiussioni del prossimo 5 luglio si potranno ufficializzare le squadre escluse dalla stagione 2017/2018. Presentate le fidejussioni giorno 11, però toccherà alla Covisoc emettere i verdetti impugnabili entro il termine improrogabile del 14 luglio. Insomma scadenze importanti e indicative, ma certamente non risolutive. Potrebbero essere tre o quattro le squadre ad essere escluse, possibilità che non dispiacerebbe al presidente della Lega Pro Gravina che in tutto ciò appare molto ottimista: “io ci metterei la firma: sarebbe comunque un miglioramento rispetto agli anni scorsi”.

triestina-1-630x415Bisogna tener conto che ci sono società che stanno presentando la documentazione necessaria per iscriversi al prossimo campionato nonostante gli arretrati da saldare con il fisco e per gli stipendi della stagione appena conclusa, questione tornata puntulmete anche quet’anno e non priva di polemiche rispetto a chi sin da sempre rispetta date, oneri, impegni e pagamenti. Le squadre di Serie C 2017/2018 attualmente scendono a 58, dopo il Latina (fallito) la Figc esclude anche il Como per la mancata affiliazione. La Lega deve prevenire altri casi del genere ma intanto, se così non fosse, si ipotizzano quelli che saranno i ripescaggi per colmare le caselle lasciate vuote da Latina e Como. Rischio fallimento anche per il Mantova. Il patron Marco De Sanctis ha confermato che non sono stati pagati gli stipendi e l’unico possibile acquirente, l’imprenditore Piervittorio Belfanti, è stato arrestato dalla Finanza per un giro di auto di lusso usate ed evasione fiscale.

Riammissioni e Ripescaggi 2017/2018

Il Lumezzane ha intrapreso una vera e propria lotta  per ritornare in serie C senza passare attraverso l’oneroso contributo a fondo perduto (300.000 euro) in caso di ripescaggio. Il massimo dirigente valgobbino,  nonostante abbia tutti i requisiti per il ripescaggio non verserà la quota a fondo perduto richiesta e quindi hiederà alla Lega Pro la riammissione senza dover sborsare i 3000.000 previsti, questo  quanto dichiarato dallo stesso Presidente Cavagna; i lombardi pretendono la riammissione nel calcio professionistico che, in termini di costi, differisce dal ripescaggio: “Di sicuro non c’è la Serie D nel nostro futuro, il Lumezzane non pagherà mai per il ripescaggio: non intendo regalare 300mila euro per far fronte ai debiti di società che mi hanno condannato alla retrocessione con comportamenti di mercato assurdi”.

stadio-Marco-Lorenzon-di-Rende-bannerPer quanto riguarda invece le graduatorie per i ripescaggi, tre club presenteranno domanda e sono Triestina, Rieti e Rende, ma al momento a meno di sorprese i friulani sono in pole per il primo  dei posti disponibili (dopo la sostanziale rinuncia del Ciliverghe). La Triestina può chiedere il ripescaggio perché il titolo mantenuto dal vecchio club è dilettantistico e non professionistico.   Il Rieti, scala terzo tra le ripescabili, dopo il Lumezzane. A Rende si continua a sperare ed a sognare, il club bianco rosso si prepara cambiando denominazione societaria da “ASD SS Rende” a “Rende Calcio 1968 SRL per l’iscrizione al campionato Serie C 2017/2018 , modificata la parte dilettantistica del nome, si è dato il via ai lavori di adeguamento dello stadio “Lorenzon” ed in panchina è stato confermato mister Bruno Trocini. A Rende la Serie C manca da 33 anni ed i tifosi non vogliono piu attendere anche se … qualsiasi ufficialità arriverà solo ad inizio agosto.