Cosenza, discarica di Celico: il PD si schiera con D’Alessandro

Il circolo PD di Rovito in Provincia di Cosenza si schiera con D’Alessandro per quanto riguarda la questione legata alla discarica di Celico

rovito“Il circolo del Pd di Rovito sostiene con forza e determinazione la posizione finalizzata alla chiusura definitiva della discarica di Celico, ribadita dal sindaco Felice D’Alessandro e dall’amministrazione comunale all’indomani della richiesta di risarcimento di un milione di euro formulata al Comune dalla Mi.Ga. srl dopo il provvedimento assunto dalla Regione Calabria che ha bloccato i conferimenti all’impianto”.

E’ quanto afferma, in una nota, la segretaria del circolo del Pd di Rovito, Rosita Dinapoli.

“E’ troppo facile -prosegue la segretaria dem- tentare di scoraggiare i sindaci di piccoli comuni che non hanno nemmeno le risorse necessarie per affrontare le spese di ordinaria amministrazione con richieste milionarie di risarcimento che non stanno né in cielo e né in terra.  Per quanto ci riguarda non intende fare alcun passo indietro rispetto alla battaglia intrapresa contro il sito di contrada San Nicola di Celico, che ha rappresentato e rappresenta una presenza che minaccia la salute pubblica e per il patrimonio paesaggistico e naturale del nostro bellissimo altopiano silano.  Una presenza che, grazie alla mobilitazione delle popolazioni, delle istituzioni pubbliche, delle forze politiche e dei movimenti ambientali e, soprattutto per merito della sensibilità del Presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio, che ha accolto la richiesta proveniente dai cittadini che vivono in Presila, sta per essere finalmente rimossa. In questa direzione, pertanto, proseguiremo quella che consideriamo una vera e propria battaglia di civiltà e che dovrà portare alla soddisfazione definitiva degli interessi pubblici rispetto a quelli privati”.

“Dal 21 giugno scorso, giorno in cui la Regione Calabria ha assunto la decisione di blocco dell’attività della discarica -conclude Dinapoli- in tutta la presila cosentina si respira finalmente un’aria pulita, un ritrovato senso di libertà.  Siamo sicuri, pertanto, che i magistrati del Tar Calabria, davanti a cui pende da circa due anni la richiesta mai esaminata del Comune di Rovito di ritiro dell’ AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) alla Mi.ga. srl, sapranno decidere, con scienza e coscienza, rispetto ad una problematica così delicata, entrando nel merito di una decisione che appare, ormai, largamente anacronistica, irrispettosa delle prescrizioni minime previste dalla legge e colloca una “bomba” ambientale nei pressi dei centri abitati e ai confini del Parco Nazionale della Sila, in un contesto naturalistico che è largamente considerato uno dei più belli del mondo e che merita di essere rilanciato e valorizzato al meglio”.