Corbelli sulla realizzazione del Cimitero dei Migranti a Tarsia: “opera di pace e di civiltà resa possibile grazie al sostegno del Presidente Oliverio”

migranti morti cimitero armo (7)“La Calabria, con la realizzazione, a Tarsia, del Cimitero internazionale dei Migranti, vuole mandare al nostro Paese e al mondo un segnale di pace, contro ogni forma di intolleranza, di violenza e di xenofobia. Per la realizzazione di questa grande opera umanitaria sono, come è noto, ininterrottamente impegnato da oltre 3 anni e mezzo, dalla tragedia di Lampedusa del 3 ottobre 2013. Insieme alla Regione, al Comune e al sindaco di Tarsia, Roberto Ameruso, contiamo di far partire i lavori in questo mese di luglio e di ultimarli entro pochissimo tempo. Ringrazio il Presidente Mario Oliverio che ha sempre creduto, sostenuto e reso possibile la realizzazione di questa grande opera di civiltà, che il mondo conosce, apprezza e aspetta, come dimostra l’interesse della stampa, non solo nazionale, ma internazionale che continua a mandare a Tarsia i suoi inviati”. E’ quanto afferma-  in una nota diffusa dall’Ufficio stampa della Giunta-  Franco Corbelli, fondatore del Movimento Diritti Civili e delegato della Regione per la tutela e la promozione dei diritti umani. Proprio oggi il  quotidiano “ La Verità”, che giovedì aveva dedicato un ampio reportage al Cimitero dei Migranti, ha pubblicato un intervento di Corbelli che ha raccontato la storia, spiegato il perché e il valore della grande opera umanitaria e di pace.

“Il Cimitero dei Migranti- ricorda Corbelli-  nascerà per dare una degna sepoltura alle vittime dei tragici naufragi (ieri altri nove cadaveri di poveri, sfortunati migranti, sette donne e due uomini, sono giunti nel porto di Catania), per cancellare così la disumanità di quei corpi, tra cui, purtroppo, anche tantissimi bambini;  quasi tutti senza volto e senza nome, sepolti  con un semplice numerino e un codice, in tanti piccoli sperduti cimiteri, siciliani e calabresi, che di fatto ne cancellano in questo modo, per sempre, ogni ricordo e riferimento per i loro familiari, che non sapranno mai dove andare un giorno per andare a trovarli, per portare un fiore e dire una preghiera.”

“ Solo per questo fine meramente umanitario- mette in rilievo il delegato della Regione-  sarà realizzato il Cimitero dei Migranti. Per dare dignità ai morti nel Mediterraneo. Purtroppo sono tanti gli ostacoli che giorno per giorno ho dovuto superare,  anche recandomi  personalmente nei vari uffici e tantissime volte al comune di Tarsia. Ma il grande valore umanitario di questa opera giustifica ogni cosa. Stiamo per mandare al mondo, da Tarsia, dalla Calabria, un messaggio di pace di speranza. Il Cimitero dei Migranti, un tutt’uno con il nuovo cimitero comunale del piccolo centro del cosentino, quale segno di rispetto e di integrazione anche dopo la morte. Sarà infatti una sorte di Parco della Pace, un’opera monumentale, bella e significativa, che consegneremo all’umanità e alla storia, un luogo anche di riflessione per tutto il mondo,  per ricordare alle generazioni che verranno la immane tragedia dell’immigrazione, perché non accada mai più in futuro.”

“ Non a caso abbiamo scelto Tarsia per la realizzazione di questa grande opera umanitaria- conclude Corbelli-;  un luogo di grande valore simbolico, su una collinetta, immersa tra gli ulivi secolari (che resteranno), di fronte al Lago e al vecchio cimitero comunale, in parte ebraico, e a poca distanza dall’ex campo di internamento fascista più grande d’Italia, quello di Ferramonti, che fu, durante la seconda guerra mondiale, luogo di prigionia ma anche di grande umanità e rispetto della dignità della persona”.