Controlli dei carabinieri nel cosentino

Foto StrettoWeb / Simone Pizzi

Foto StrettoWeb / Simone Pizzi

In Rose (CS), i militari della Stazione Carabinieri di Rose, deferivano in stato di libertà un 33enne di Catania e un 25enne cosentino per il reato di “Minacce, Lesioni e Inosservanza degli obblighi della Sorveglianza Speciale”. I militari operanti accertavano che i due uomini, già gravati dalla misura della Sorveglianza Speciale, in Rose (CS), violando gli obblighi cui sottoposti, per futili motivi, minacciavano e colpivano con calci e pugni la vittima, un 30enne cosentino residente a Rose (CS), che riportava lesioni giudicate guaribili in giorni 7.

 In Rose (CS), i militari della Stazione Carabinieri di Rose, deferivano in stato di libertà una 34enne cosentina per il reato di “Lesioni personali aggravate”. I militari operanti accertavano che la donna, in Rose (CS), a seguito di una lite scaturita per futili motivi aggrediva la vicina di casa colpendola con schiaffi, afferrandola per i capelli e sbattendola contro a un muro causando alla vittima, una 65enne di Rose (CS), lesioni giudicate guaribili in giorni 10.

 In Rende (CS), i militari dell’Aliquota Radiomobile del Nucleo Operativo e Radiomobile di Rende, nel corso di servizi finalizzati al contrasto del fenomeno del “Degrado Urbano”, segnalavano un 28enne di nazionalità nigeriana, per la violazione amministrativa di “Accattonaggio e Intralcio alla circolazione stradale”. I militari operanti, in Rende (CS), via Fratelli Bandiera, accertavano che il predetto mendicava in modo molesto in prossimità di un semaforo, creando intralcio e pericolo alla circolazione stradale. Al giovane veniva elevata la sanzione amministrativa di 50€.