Cisl: a Reggio Calabria il primo “Sharing Autonomy” di “Vivace” per lavoratori indipendenti

DA SIN VERSO DESTRA: BRILLI, PERRONE, DEGL'INNOCENTI, BELLOCCO, BARLETTA

DA SIN VERSO DESTRA: BRILLI, PERRONE, DEGL’INNOCENTI, BELLOCCO, BARLETTA

A Reggio Calabria, promosso dalla Cisl cittadina, il primo “Sharing Autonomy” locale, a livello italiano, di ‘vIVAce’, l’associazione che rappresenta freelance, liberi professionisti e lavoratori senza vincolo di subordinazione e che offrono,  in modo autonomo, le proprie prestazioni intellettuali.

“Una realtà – come spiega Silvia Degl’Innocenti (coordinatrice nazionale) – che nasce a fronte delle modifiche che sta vivendo il mondo del lavoro, sia in merito alle riforme più recenti, quali il Jobs Act, sia riguardo le nuove tecnologie: sempre più persone, infatti, scelgono di lavorare in autonomia usando anche la rete come snodo cruciale della propria operatività. La Cisl è stata sempre sensibile ai cambiamenti dell’universo occupazionale ed ha, dunque, deciso di costituire questa community che fungesse da incontro, confronto, conoscenza e riuscisse a recepire le esigenze di tutti coloro che si trovano in determinate nuove condizioni, non trascurando ovviamente tutte le tematiche sindacali inerenti il fisco, la previdenza e le tutele che registriamo ancora deboli in tali settori”. “Anche in Calabria – ha poi ribadito Carlo Barletta (segretario generale Felsa Cisl Calabria) intervenuto all’incontro insieme a Degl’Innocenti e a Marco Bellocco (referente regionale vIVAce) – si parla di realtà occupazionali emergenti e per questo diverse dai canoni tradizionali. Ciò simboleggia concretamente la lungimiranza della Cisl, capace di guardare al futuro, occupandosi anche di organizzare nuove forme di lavoro. La nostra regione, quindi, non solo come bacino enorme di precariato ma, grazie a queste occasioni, quale avamposto per affrontare tematiche sempre più attuali”. A portare il suo saluto ai relatori ed agli intervenuti anche Rosi Perrone, segretario generale Cisl Reggio Calabria la quale, insieme ai componenti d segreteria (Christian Demasi e Michele Brilli), ha voluto mettere in risalto “l’importanza di iniziative che siano improntate all’analisi dei nuovi contesti lavorativi cosicché l’azione sindacale possa svilupparsi in tutti i settori, basarsi su esperienze specifiche e acquisire competenze che permettano di tutelare ogni espressione del mondo occupazionale. Ospitare a Reggio – ha inoltre aggiunto – il primo evento locale dopo l’appuntamento nazionale è per noi motivo di orgoglio, nella consapevolezza   che fare rete e confrontarsi soprattutto su tematiche dai risvolti non ancora ben delineati, possa rappresentare un’occasione significativa di crescita per iscritti e simpatizzanti ed un momento serio di approfondimento per quanto concerne certe dinamiche che riguardano particolarmente coloro che prestano la loro opera professionale da indipendenti: un ambito in costante sviluppo complici, appunto, le trasformazioni del nostro assetto sociale”.