Catturati i tre giovani evasi dal carcere di Barcellona Pozzo di Gotto [DETTAGLI]

Si è conclusa in meno di 48 ore la rocambolesca fuga dal carcere di Barcellona Pozzo di Gotto dei tre detenuti evasi la scorsa notte

evasione barcellona pozzo di gottoUn grande dispiegamento di forze dell’ordine, coinvolti anche agenti liberi dal servizio ed il lavoro del comando di Polizia di Barcellona Pozzo di Gotto hanno dato risultati  sperati: i tre fuggitivi evasi dal carcere di via Madia, la notte tra mercoledì e giovedì sono stati catturati e riconsegnati alle autorità competenti.. A scovarli sono stati i militari del Nucleo Radiomobile di Barcellona, dopo una caccia all’uomo durata poco meno di 48 ore. I Tre giovani, incarcerati nella struttura messinese per reati legati alla tossicodipendenza e a rapine, dopo aver divelto un’inferriata della palestra erano riusciti a  fuggire la scorsa notte dal carcere di Barcellona Pozzo di Gotto facendo perdere le proprie tracce. I tre giovani erano in carcere per rapina, detenzione d’armi da fuoco e  già numerosi precedenti alle spalle. il primo ad essere individuato dalla Polizia Penitenziaria è stato Vittorio Smirolo, messinese di 25 anni fermato questa mattina dagli agenti  non lontano dagli imbarcaderi, e pronto ad allontanarsi dal territorio siciliano. E’ stato invece fermato a Barcellona Pozzo di Gotto  Gaetano Sciacchitano, 20enne di Lipari, anche lui evaso la scorsa notte dopo aver scardinato la finestra di una cella del V reparto dell’istituto penitenziario del Longano. Il terzo detenuto, Emanuele Rossito, 18enne messinese e  fratello di Vittorio Smiroldo è stato fermato poco prima le 17 a Santa Lucia del Mela dai carabinieri della Stazione locale. Anche lui, come il fratello, si trovava in carcere per alcune rapine messe a segno in passato.