Capo Vaticano: inaugurata ieri sera la terza edizione di “Estate a casa Berto”

giuseppe-berto-scrittore-2E’ decollata ieri sera, in un giardino gremito di pubblico, la terza edizione di “estate a casa Berto” , l’evento culturale che si svolge a Capo Vaticano per il terzo anno consecutivo e che vede l’alternarsi sul palco di giornalisti, musicisti e attori, in un tributo costante al grande scrittore e alla presenza della figlia Antonia, che ha ideato con Jo Lattari e Marco Mottolese tutte le edizioni. Il reading di Iaia Forte, la grande attrice napoletana, ha incantato la platea: vivido il profilo dei protagonisti del romanzo di Elsa Morante “L’Isola di Arturo”  grazie alla  lettura realistica e poetica al medesimo tempo dell’attrice, ieri in particolare stato di grazia. Le letture erano state precedute da un concerto di apertura dei Cumededè, gruppo cosentino capitanato dal maestro Checco Pallone e dal sopraffino violinista Piero Gallina. I Cumededè, che presentavano il loro ultimo album, Nicciabaca e per la seconda volta a “Estate a casa Berto” , hanno dimostrato una raggiunta sapienza di accordi e musiche mediterranee riscaldando l’ambiente e stupendo gran parte del pubblico proveniente da fuori. Alternando linguaggi del sud, dal napoletano, al siciliano al calabrese, con rivisitazioni di musiche tradizionali accompagnate da sonorità e strumentazioni ormai uniche. Minuti e minuti di applausi a chiudere il concerto. Stasera “estate a casa Berto” propone il documentario di Antonio Castaldo “Metti una sera con Peppino” sulla vita del grande commediografo Giuseppe Patroni Griffi. Sarà presente il regista per una intervista a caldo. L’evento continua fino al 3 agosto. L’associazione culturale casa Berto a Capo Vaticano , fondata quest’anno, dialogherà anche con le scuole e si pone quale “parco letterario” ideale, unico nel suo genere, sia per la bellezza del luogo ma anche per il ripetersi di attività culturali atte a prolungare le eccelse qualità letterarie e umane che furono di Giuseppe Berto.