Calabria, incontro sul tema della sostenibilità e della distribuzione urbana

In Calabria l’Assessore regionale al “Sistema della Logistica” Francesco Russo ha presieduto un incontro sul tema della sostenibilità e della distribuzione urbana

cittadella regione calabriaL’Assessore regionale al “Sistema della Logistica” Francesco Russo ha presieduto, nella sede della Cittadella, un incontro sul tema della sostenibilità e della distribuzione urbana delle merci, al quale hanno partecipato i rappresentanti delle Associazioni culturali ed ambientaliste che hanno partecipato allo sviluppo del Piano. L’incontro – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta – era finalizzato alla raccolta di possibili contributi e proposte per lo sviluppo delle migliori modalità di intervento sulla distribuzione urbana delle merci, per quanto di competenza della Regione. Hanno partecipato i delegati delle Associazioni cultuali ed ambientaliste Francesco Falcone di Legambiente, Domenico Cappellano di Touring Club, Angela Martino e Antonino Piazza di ItaliaNostra, il dirigente della Programmazione Tommaso Calabrò, gli esperti del settore Infrastrutture di Trasporto Massimiliano Cozza d’Onofrio, Giovanna Chilà e Maria Rosaria Trecozzi. L’Assessore Russo ha illustrato il percorso avviato dalla Regione per l’attuazione della misura 2.5 “City logistics” del Piano Regionale dei Trasporti (PRT), approvato in Consiglio regionale nel dicembre scorso. L’UE ha fissato l’obiettivo ambizioso di realizzare una logistica urbana a zero emissioni di CO2 entro il 2030, in linea con gli orientamenti a scala intercontinentale per la tutela dell’ambiente. La Regione condivide il percorso avviato dalla UE e pianifica di perseguire l’obiettivo, anticipandone il raggiungimento nei comuni calabresi per i veicoli merci, nel 2023. E’ l’anno che rappresenta il primo degli orizzonti temporali di riferimento del PRT. L’iniziativa è stata condivisa dai presenti, che ne hanno riconosciuto la validità e l’efficacia ai fini dell’innalzamento del livello medio della qualità della vita nelle città calabresi, ad oggi particolarmente critico. Dai valori degli indicatori di sostenibilità rilevati e stimati da ricercatori nazionali e internazionali, infatti, emergono le condizioni di criticità in cui versano i territori della Calabria, sia rispetto alle performance ambientali, sia rispetto alle condizioni di sicurezza e accessibilità. L’Assessore Russo ha, poi, sottolineato la necessità di contenere le esternalità della distribuzione urbana delle merci nei centri storici  e, più in generale, nelle aree urbane. Il tema è di particolare rilevanza nell’ambito dell’attuazione del PRT sulla base delle principali esperienze in atto nelle città in Europa ed in Italia, sia in relazione al perseguimento della sostenibilità ambientale e sociale, sia in relazione all’efficientamento della distribuzione dei flussi di merce in ambito urbano. In termini di sostenibilità ambientale e sociale, i vantaggi riguardano la riduzione dell’inquinamento, la riduzione della congestione e degli incidenti. Ne consegue il miglioramento dell’accessibilità ai centri cittadini e l’innalzamento del livello di vivibilità urbana. In termini di sviluppo economico ed efficientamento, i vantaggi riguardano la razionalizzazione del percorso dei mezzi, la riduzione dei costi di gestione della flotta, l’aumento del livello dei servizi offerti ai clienti. Ne conseguono effetti positivi sulla circolazione di tutte le componenti di traffico. La strategia che si vuole perseguire con l’attuazione della misura City Logistics è di tipo “win win” con vantaggi sia per la collettività, sia per gli operatori del commercio e sia per gli operatori della distribuzione. Dalla discussione con le Associazioni è emersa la volontà di continuare il confronto durante lo sviluppo della Misura. Nello specifico, si è condiviso di avviare uno scambio di buone pratiche con altre realtà che hanno già attivato, con risultati positivi, progetti di City logistics in ambito europeo e nazionale. E’ emersa anche la volontà di valorizzare, nell’ambito delle proposte progettuali, la fragilità del territorio che caratterizza molti centri calabresi.