Affitti in Italia: Calabria e Sicilia tra le regioni meno care

Scende il prezzo delle case in affitto a Milano ma questa resta la città più cara. Bassi i prezzi in Calabria e Sicilia

CASA: CGIL-SUNIA; ALLARME AFFITTI E CALO AIUTI PUBBLICIScende il prezzo delle case in affitto a Milano. Il prezzo medio di un affitto in Italia si attesta a 8,8 euro, come un anno fa, ma i grandi mercati sono in controtendenza: Milano (-1,2%), Napoli (-1,3%), Roma (-1,5%).E’ quanto rilevato nell’indice dei prezzi delle locazioni in Italia di Idealista, relativo al II trimestre 2017. Il prezzo delle case in affitto ha registrato un incremento del 2,6% nel corso del secondo trimestre del 2017, tornando così a 8,8 euro mensili, lo stesso valore dell’anno scorso, stando all’indice sugli affitti stilato da idealista. Espresso in euro, per l’affitto di un bilocale – 65 metri quadri per lo standard rilevato da idealista – si stima un esborso medio di 572 euro al mese a famiglia, importo che sale a 741 euro nel Lazio, la regione più cara, e arriva a superare il tetto dei mille euro mensili a Milano (1.096 euro/mese), la città più cara d’Italia. Secondo Vincenzo De Tommaso, responsabile dell’ufficio studi di Idealista, “la dinamica positiva dei prezzi rispecchia l’andamento particolarmente vivace delle richieste in questo periodo, ad esempio nelle città universitarie e nei grandi centri dove la gente decide di trasferirsi. Tuttavia, l’andamento delle quotazioni varia in base alla città ma anche alla zona in cui è ubicato l’immobile. Anche nell’ambito della stessa città le variazioni dei prezzi possono essere importanti. A fronte di un’offerta aumentata del 10,5% nella prima metà dell’anno gli appartamenti che reggono meglio sono quelli tenuti bene, di dimensioni medio-piccole, in zone strategiche delle città, vicino a università e ospedali.A seconda di come andrà l’economia e la creazione di nuovi posti di lavoro, i prezzi potranno continuare a crescere, ma bisognerà prestare attenzione a ciò che accade con gli affitti a Milano e a Roma, le punte dell’iceberg degli affitti in Italia, la cui crescita ha registrato una battuta d’arresto nell’ultimo trimestre”. I canoni restano al “top” nel Lazio, con una media di 11,4 euro/m², seguiti da Lombardia (11,2 euro/m²) e Toscana (9,7 euro/m²). Dall’altro lato, i valori più bassi della Penisola si trovano in Sicilia (5,7 euro/m²), Molise (5 euro/m²), e Calabria (4,9 euro/m²). La provincia di Milano (14,8 euro/m²) mantiene inalterati i propri elevati valori, davanti a Roma (12,1 euro/m²) e Firenze (11,6 euro/m²). Dalla parte opposta, chiudono la graduatoria Reggio Calabria e Caserta con 4,5 euro al metro quadro mensili.