Villa San Giovanni, Gioè (M5s): “la maggioranza non sarà ostacolata quando agirà per il bene comune”

Villa S. Giovanni, Gioè (M5S): «Da noi opposizione responsabile»

comune-villa-san-giovanni«La maggioranza non sarà ostacolata quando agirà per il bene comune, ma troverà un’opposizione implacabile quando le sue azioni saranno contrarie al nostro programma». È quanto ha dichiarato la consigliera del M5S Milena Gioè nel corso dell’insediamento del nuovo consiglio comunale di Villa San Giovanni. «Il M5S di Villa San Giovanni – ha continuato – ringrazia tutti gli elettori, i candidati e gli attivisti che lo hanno sostenuto. Nel giro di soli due anni siamo riusciti a raddoppiare il nostro risultato: dai 429 voti del 2015 agli 813 di questa tornata elettorale. Si tratta di voti liberi, non controllati e svincolati dalle clientele; voti che appartengono solo al Movimento, in quanto la nostra linea non prevede accordi con altre forze politiche né coalizioni composite. Il nostro risultato è frutto di una campagna elettorale autofinanziata con risorse minime, che non ha usufruito di aiuti pubblici. È un primo passo verso il vero cambiamento di Villa San Giovanni e, di questo, non possiamo che esserne fieri». Gioè ha anche affrontato la delicata vicenda che riguarda il neo sindaco Giovanni Siclari, sospeso a poche ore dal suo insediamento in quanto già condannato in primo grado per abuso d’ufficio: «Siamo onorati di rappresentare tutti i nostri concittadini in consiglio comunale. La nostra voce sarà la loro voce. Proprio per questo motivo, è necessario fare alcune considerazioni sulla nuova amministrazione. Villa si ritrova oggi con un sindaco che ha trasferito in tutta fretta poteri che non ha, nominando un vicesindaco che dovrà farne le veci fino al termine della sospensione. Noi auguriamo a Maria Grazia Richichi di operare nel modo migliore per questa città: tocca alle istituzioni preposte chiarire la legittimità o meno di questa nomina e di tutti gli atti che ne conseguiranno. In ogni caso, fino a un eventuale intervento giudiziale o prefettizio, valuteremo nel merito i singoli provvedimenti portati avanti dalla maggioranza».

«Qui – ha aggiunto la consigliera comunale del Movimento -, ci sono in gioco gli interessi di tutti i cittadini. Se la maggioranza agevolerà interessi di parte, saremo una spina nel fianco e porteremo avanti tutte le azioni possibili sul piano della democrazia, della trasparenza e dell’informazione. Il rispetto delle norme istituzionali guiderà il nostro operato in Consiglio e pertanto pretenderemo da tutti una corretta, completa e tempestiva comunicazione degli atti rilevanti ai fini delle decisioni del Consiglio e delle commissioni. La nostra opposizione, in caso di disaccordo sui temi portati avanti dalla maggioranza, sarà a tutto campo e inesorabile». Gioè ha anche esortato la neo amministrazione ad agire tempestivamente su alcune questioni decisive, tra cui la messa in sicurezza di tutti i plessi scolastici (in particolare di quella dell’istituto di Pezzo, la cui consegna era prevista nel dicembre 2015 ma non è ancora avvenuta), la demolizione e successiva ricostruzione del  Liceo “Nostro Repaci”, la costituzione di uno “Sportello punto Europa” interno al Comune, la pulizia e il decoro di spiagge, strade e piazze. La consigliera ha inoltre invocato la realizzazione del Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche, l’attuazione di politiche che tendano alla diminuzione della pressione fiscale sui contribuenti, partendo dalla Tari e dal servizio idrico, la riorganizzazione della macchina amministrativa, la riapertura della stazione di Cannitello e la revisione del progetto sulla variante di Cannitello. «Chi siede in consiglio comunale – ha concluso Gioè -, come componente del gruppo di minoranza, ha il compito di vigilare attentamente sull’operato di chi amministra, di dare suggerimenti e offrire soluzioni alternative nell’interesse della collettività. Questo è l’intento del M5S e, pertanto, lavoreremo affinché la nostra diventi una città più vivibile, soprattutto per le fasce più deboli, che rispetti l’ambiente e riqualifichi il territorio e le sue attività».