Sparatoria in Virginia, ferito un leader repubblicano [NOME e FOTO]

LaPesse / REUTERS

LaPesse / REUTERS

Un esponente di spicco del partito repubblicano, in una sparatoria avvenuta oggi nel campo di baseball di Alexandria, in Virginia, dove si stava svolgendo l’allenamento della squadra dei congressmen repubblicani. Secondo le prime notizie arrivate dai media americani tra le diverse persone rimaste colpire vi sarebbe anche Steve Scalise, il ‘whip’, una sorta di capogruppo del partito. “Il sospetto è stato arrestato e non è una minaccia”, ha fatto sapere la polizia di Alexandria. Alcuni testimoni avevano fatto riferimento alla morte dell’assalitore.

Intanto, un portavoce di Scalise ha detto che il deputato è ricoverato al George Washington University Hospital ed è in condizioni stabili. Secondo Mo Brooks, deputato dell’Alabama, Scalise è stato colpito all’anca. In tutto sarebbero almeno cinque le persone rimaste colpite, ha detto ancora il deputato repubblicano.
Al momento dell’attacco, erano circa 25 i parlamentari in campo. Tra loro, oltre a Scalise e Brooks, anche Rand Paul, West Virginia, Roger Williams, Texas, Joe Barton, Texas, Ron DeSantis, Florida, Chuck Fleischmann, Tennessee, Jeff Flake, Arizona, Brad Wenstrup, Ohio, Gary Palmer, Alabama.
“Mi è sembrato che fosse un maschio bianco, ma considerate che l’ho visto per un secondo o due”, ha aggiunto Brooks riferendosi all’aggressore, armato di un fucile semiautomatico. Intervistato dalla Cnn, Brooks ha detto che l’uomo appariva “di mezza età, non magro, ma neanche obeso”. “Non so se sia stato ucciso”, ha poi aggiunto, mentre altri repubblicani presenti hanno detto ai media che l’assalitore è stato ‘neutralizzato’.
Prima di entrare in azione, l’uomo avrebbe chiesto chi si stesse allenando, “democratici o repubblicani?”, rivolgendo la domanda al deputato repubblicano Ron DeSantis. Lo ha raccontato il politico a Fox news. La sparatoria è iniziata alle 7.15 ed è durata circa dieci muniti, secondo l’emittente. (AdnKronos)

LaPesse / REUTERS
LaPesse / REUTERS
LaPesse / REUTERS
LaPesse / REUTERS