SiciliAntica, ritorno all’ordine dopo diverse violazioni

Il gruppo SiciliAntica ha voluto ristabilire l’ordine contro le presunte violazioni statuarie di separare l’associazione ventennale

Estate 2014 uno degli eventi organizzati da SiciliAnticaIl 13 maggio 2017, un gruppo di dieci soci ha cercato, millantando presunte violazioni statutarie, di separare la ventennale Associazione SiciliAntica.
Il tutto avveniva per biechi interessi personalistici e commerciali, volendo utilizzare a fini di lucro il nome e il logo dell’Associazione SiciliAntica.

Abbiamo tentato in tutti i modi di comporre la lite, al solo scopo di far rientrare nei ranghi statutari i soci, non sempre consci di ciò che stavano facendo.
Siamo stati costretti per la prima volta in vent’anni ad espellere qualcuno dall’Associazione, al solo scopo di tutelare l’Associazione stessa, mai per motivi personali.

Abbiamo instaurato un processo d’urgenza avanti le competenti Autorità, chiedendo il divieto di utilizzo del simbolo, logo e nome a terzi non autorizzati, nonché l’oscuramento di tutti quei domini e pagine Facebook che, in violazione dello Statuto, illegittimamente perseguivano interessi privati ed economici anziché la tutela e la valorizzazione dei Beni Culturali.

Nulla è cambiato per noi: continuiamo e continueremo a lavorare per salvaguardare e valorizzare il nostro patrimonio culturale come sempre abbiamo fatto, con lo stesso amore e con lo stesso impegno.