Serie C, Il Catanzaro Calcio ufficialmente in vendita: “gravi difficoltà della proprietà a proseguire”

Mancava l’ufficialità e adesso è arrivata: il Catanzaro Calcio è in vendita e resta in bilico per la permanenza in Serie C

UscatanzarostemmaTermina nel peggiore dei modi l’era Cosentino alla guida del Catanzaro, non solo per l’arresto a causa di appropriazione indebita e di reati tributari ma soprattutto per le conseguenze future sul club giallorosso. Si perchè adesso è davvero bilico la sopravvivenza della società nel calcio professionistico; l’amministratore unico Gessica Cosentino, infatti, comunica pubblicamente la volontà della proprietà di cedere le quote sociali, anche a causa delle difficoltà legate alla nota vicenda giudiziaria che vede coinvolti il padre e la sorella. L’annuncio è arrivato alle dieci di ieri mattina con una nota diramata dall’ufficio stampa del club in cui, oltre a chiarire i passaggi che hanno stravolto il CdA, viene riportata anche una dichiarazione della vicepresidente Gessica Cosentino (non coinvolta nell’inchiesta Money Gate e con pieni poteri per portare avanti l’ordinaria amministrazione del Catanzaro calcio) che riportiamo: ”Con senso di responsabilità - come dichiarato sul sito ufficiale – nelle scorse settimane abbiamo avviato una interlocuzione con le istituzioni cittadine, che sono state informate delle gravi difficoltà della proprietà a proseguire l’impegno alla guida del club, per consentire di esplorare e valutare l’interesse di possibili acquirenti, anche fornendo la documentazione contabile richiesta e ragguagli sullo stato dei diversi adempimenti. Peraltro la società, già nei mesi scorsi, si era resa disponibile a dialogare con imprenditori che avevano chiesto informazioni rispetto alla possibilità di rilevare le quote sociali, ma nessuno ha mai avanzato proposte concrete. Ad oggi non siamo a conoscenza di imprenditori che intendono rilevare la società, e nessuna trattativa è stata mai avviata, ma in ogni caso offriamo la nostra massima disponibilità a favorire in ogni modo un passaggio di proprietà per consentire al calcio catanzarese il mantenimento della categoria professionistica”