Sant’Eufemia d’Aspromonte: ecco i nomi dei componenti della nuova giunta, a soli due giorni dalla proclamazione del sindaco

E’ di oggi il decreto del sindaco recante la nomina di vicesindaco e assessori, assegnata ai candidati che hanno ottenuto il maggior numero di preferenze a Sant’Eufemia d’Aspromonte

creazzo2La vittoria del sindaco uscente Domenico Creazzo alle elezioni amministrative di Sant’Eufemia d’Aspromonte è stata suggellata dalla proclamazione avvenuta due giorni fa. E’ di oggi, invece, il decreto del sindaco recante la nomina di vicesindaco e assessori, assegnata ai candidati che hanno ottenuto il maggior numero di preferenze degli elettori. A Cosimo Idà, classe 1977, è stato assegnato il ruolo di vice sindaco con delega a Bilancio, Programmazione e Tributi; Vincenzo Fedele, classe 1982, è stato nominato assessore con delega ad Agricoltura, Attività Produttive, Promozione del Territorio e Raccolta Differenziata; Caterina Martino, classe 1990, sarà assessore ai Servizi Sociali, Pari Opportunità e Integrazione; Teresa Borrello, classe 1968, è stata nominata assessore alla Cultura con delega al Recupero del Patrimonio Storico, Spettacolo, Sport, Associazionismo e Pubblica Istruzione.

Il gruppo LeAli al Paese è dunque pronto a riprendere in mano le redini della cittadina aspromontana, ripartendo da dove era rimasto: il rifacimento della facciata della scuola elementare e la restituzione di una rinnovata pineta comunale alla comunità eufemiese sono stati solo gli ultimi due lavori portati a termine, in ordine di tempo. “Ma non è finita – fanno sapere dall’amministrazione - perché, tra le altre cose, si proseguirà sulla scia del completamento e adeguamento degli edifici scolastici; del potenziamento della Raccolta Differenziata, già avviata da tempo, ma ancora da migliorare e rendere più efficiente; della prevenzione e della cura del disseto idrogeologico, che nel nostro territorio è un problema annoso e di non facile risoluzione; dell’efficientamento energetico della pubblica illuminazione e degli edifici pubblici, uno dei primari obbiettivi da perseguire”. 

Infine – conclude la nuova giunta – daremo sempre più spazio alla cultura, soprattutto rivolgendoci ai giovani. Siamo proiettati al recupero e alla valorizzazione della memoria, non solo storica, ma anche civile. Siamo i custodi di ciò che rappresenta l’importanza dell’esempio, perché siamo consapevoli che solo attraverso una nuova ‘grammatica umana’ si realizzerà una vera ‘pedagogia civile’”.

Sant’Eufemia d’Aspromonte: ecco gli eletti al consiglio comunale