Rinnovo Consiglio dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori della Provincia di Reggio Calabria 2017 – 2021

architettiRinnovo Consiglio dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori della Provincia di Reggio Calabria 2017 – 2021, ecco il programma:

IL PROGRAMMA IN 15 PUNTI

Tutti i punti che appresso sono sinteticamente trattati hanno come fine ultimo la valorizzazione del ruolo sociale e culturale dell’architetto nella società contemporanea, da perseguire promuovendo la qualità dell’architettura nell’era digitale e affrontando tematiche mirate al riconoscimento della peculiarità del ruolo e dei compiti connessi all’esercizio della professione. Obiettivo, questo, che nasce dalla necessità di ridare all’architettura e all’architetto il giusto ruolo e dignità, che col tempo è andato perso, partendo dal presupposto che bisogna sforzarsi ad oltrepassare il mero aspetto tecnico della professione verso una visione più consapevole dell’effettivo ruolo sociale e culturale dell’architetto e dell’architettura. Per semplicità di comunicazione, considerata la molteplicità degli argomenti da trattare, si riportano di seguito soltanto le tematiche più stringenti e di attualità, intendendoli quindi puramente indicativi e non esaustivi.

  1. 1.         TRASPARENZA: rendere visibile agli iscritti l’attività del Consiglio Provinciale e Nazionale con pubblicazione online e divulgazione degli atti aventi ricadute sulle attività professionali e deontologiche. Legittimare l’istituto del referendum propositivo per divulgare alcuni temi su richiesta degli iscritti. Migliorare la capacità di comunicazione del Consiglio, iniziando dal nuovo sito web il cui sviluppo è stato già avviato. Promuovere iniziative sul territorio con incontri decentrati nelle varie realtà (Jonica, Tirrenica, etc). Pubblicazione on line delle nomine relative alle terne di collaudo statico, al fine di rendere evidente il criterio di rotazione.
  1. 2.         PROMOZIONE DELLA PROFESSIONE: Realizzare un’efficace azione di promozione della nostra figura professionale che si rivolga agli architetti e a tutta la società civile. Informare i colleghi sulle novità riguardanti la modalità di svolgimento della professione. Sviluppare il tema del networking tra professionisti, anche appartenenti a differenti professioni. Creare Focus multidisciplinari finalizzati all‘orientamento dei giovani professionisti ed a supporto degli stessi, su tematiche come tariffe, remunerazione e competenze. Proseguire nelle azioni e nei progetti di tutoraggio nei confronti dei professionisti. Concretizzare azioni di “restituzione” del sapere e delle conoscenze per facilitare l’ingresso dei giovani al mondo della professione e aggiornare alcune competenze dei professionisti senior. Organizzazione e coordinamento di eventi e attività territoriali finalizzati alla valorizzazione e promozione della figura dell’Architetto.
  1. 3.         ORIENTAMENTO GIOVANI: Istituzione del Dipartimento Orientamento Giovani Architetti per favorire una adeguata prima accoglienza dei neoiscritti, promuovendo riunioni periodiche di indirizzo e orientamento verso le diverse specializzazioni e tematiche dell’esercizio della professione, come il rapporto con gli Enti, le Norme deontologiche, la valorizzazione del lavoro professionale, favorendo inoltre un affiancamento iniziale nelle diverse attività della professione, anche presso studi professionali che manifesteranno tale disponibilità.
  1. 4.         RAPPORTO CON LE ALTRE ISTITUZIONI: Confronto e inclusione dei colleghi impiegati nella Pubblica Amministrazione al fine di interagire a più livelli: Pubblica Amministrazione – Sindacati; Valorizzazione della Consulta delle Professioni (Architetti PPC, Ingegneri, Avvocati, Medici, Commercialisti, etc) presso la Camera di Commercio. Confronto e dialogo per migliorare l’efficienza e l’efficacia delle attività delle commissioni istituzionali: Comunali, Metropolitane e Regionali. Promuovere la collaborazione e lo scambio di informazioni, iniziative e quant’altro tra i vari Ordini Provinciali degli APPC della Regione Calabria. Istituire un dipartimento che dialoghi con le Università al fine di avviare una stretta ed efficace collaborazione tra i settori della formazione, della ricerca e della professione. Una sinergia necessaria per favorire l’innovazione e il trasferimento del know how proprio di ciascun ambito attraverso processi di osmosi concretizzabili in occasioni di scambio e partenariati per l’organizzazione di corsi di perfezionamento, aggiornamento professionale, seminari e ricerche. Implementare i rapporti di collaborazione con il Consiglio Nazionale al fine di diventare parte attiva nelle politiche nazionali.
  1. 5.         FORMAZIONE CONTINUA E AGGIORNAMENTI: Istituzione del Dipartimento per la formazione continua in modo da poter interagire con gli altri ordini professionali al fine di garantire un adeguato livello della formazione attraverso esperienze condivise con relatori e docenti di primo livello. Organizzare un piano di offerta formativa per professionisti dipendenti pubblici e docenti ampliando le sinergie con le Pubbliche Amministrazioni, a partire dai Protocolli già avviati. Programmare un’offerta formativa attenta all’evoluzione delle necessità dei mercati del lavoro, con esperienze pratiche e cantieristiche, volte ad acquisire competenze e conoscenze utili allo svolgimento della professione.
  1. 6.          QUOTA ISCRIZIONE AGEVOLATA: Mantenimento delle quote agevolate già in atto ed estensione delle misure già previste per le neo-mamme ai neo-papà. Promuovere una riduzione della quota d’iscrizione annuale per i colleghi con almeno n. 3 figli a carico e nel caso di fasce di reddito basse. Promuovere, inoltre, forme di convenzione con enti pubblici ed aziende private per il pagamento della quota dei propri dipendenti iscritti all’Ordine.
  1. 7.          OPPORTUNITA’ DI LAVORO: Potenziare la finestra di osservazione sui bandi comunitari e locali relativi anche o soprattutto a finanziamenti a fondo perduto o compartecipati. Facilitare l’accesso alla consultazione delle norme UNI. Coadiuvare soggetti pubblici e privati nella programmazione concorsuale per interventi sul territorio. Implementare il supporto e la consulenza agli iscritti su aspetti fiscali e amministrativi. Implementare la funzione di organizzatore e facilitatore per le opportunità lavorative attraverso un sistema informativo multimediale e strumenti operativi. Attivare un gruppo di lavoro che studi, sviluppi e informi sulle possibilità dei professionisti di mettersi in rete.
  1. 8.         LAVORI PUBBLICI: Istituire un dipartimento dei lavori pubblici che attenzioni i bandi poco trasparenti e collabori con gli enti locali al fine di standardizzare ed uniformare i bandi di gara, avvisi esplorativi e manifestazioni di interesse. Promuovere l’utilizzo esclusivo degli strumenti informatici per tutte le procedure, al fine di eliminare il cartaceo.
  1. 9.         INTERNAZIONALIZZAZIONE: Promuovere e costituire una banca dati individuando professionisti con esperienza di lavoro all’estero al fine di sviluppare sinergie e collaborazioni. Focalizzare l’attenzione sulle best practices estere, anche attraverso attività di gemellaggio e cooperazione internazionale con Ordini professionali stranieri. Fare sinergia con le realtà attive sul territorio metropolitano e nazionale. Promuovere la conoscenza della lingua inglese. Rafforzare l’attività di sportello per gli iscritti per consulenze preliminari su bandi comunitari. Stipulare accordi con stakeholders locali e Regionali per definire modalità di accesso ai bandi europei da parte dei liberi professionisti, promozione di Progetti transfrontalieri, di cooperazione. Creare un servizio di job placement e orientamento per l’estero per l’inserimento lavorativo in studi di architettura esteri mantenendo l’iscrizione professionale. Agevolare e guidare gli iscritti nei rapporti con le sedi delle ns. Camere di Commercio all’Estero al fine di promuovere e sostenere la creazione di studi professionali negli stati comunitari ed extracomunitari.
  1. 10.      RILANCIO DEGLI STUDI DI ARCHITETTURA: Creazione di una sezione interna al sito dell’Ordine dove poter visionare e prendere atto dell’effettiva realtà degli studi di architettura della città metropolitana. Promuovere l’utilizzo del BIM (Building Information Modeling) tramite corsi di formazione, convegni, conferenze ed esperienze pratiche. Promuovere la multidisciplinarità degli studi e la cooperazione tra i differenti studi. Accreditare gli studi di architettura con possibilità di ospitare tirocinanti e stagisti.
  1. 11.      FOCUS GROUP: Istituzione, a supporto dell’Ordine, di consulte permanenti “Focus Group” per l’approfondimento di specifici temi di particolare rilevanza e attualità, promuovendo dibattiti sull’architettura, sul suo ruolo sociale e culturale, su temi e problematiche di natura tecnica legati all’ordinario esercizio della libera professione.
  1. 12.      SERVIZI AGLI ISCRITTI: Promuovere e costituire uno sportello aperto online e “de visu” per supportare quesiti e richieste diverse dalle ordinarie esigenze. Istituire una Consulta Giuridica (composta anche da Avvocati ) per esprimere pareri e commenti su questioni giuridiche e normative pertinenti con le attività e le funzioni dell’architetto
  1. 13.      ESAMI PER L’ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE: Promuovere un confronto con l’Università per preparare e facilitare i neo-laureati che si apprestano a sostenere gli esami di stato. Promuovere incontri dei neo-laureati con professionisti esperti al fine di introdurre argomenti attinenti la professione e pertinenti con le prove da svolgere per l’abilitazione alla professione.
  1. 14.      CREAZIONE DELLA FONDAZIONE ARCHITETTI METROPOLITANI: Promuovere e creare la Fondazione Architetti Metropolitani con lo scopo di promuovere e divulgare attività culturali e di ricerca per l’aggiornamento e l’adeguamento della figura professionale dell’Architetto Pianificatore, Paesaggista e Conservatore, attraverso l’organizzazione di mostre, convegni e seminari, promozione e realizzazione di iniziative editoriali, organizzazione di corsi di perfezionamento, istituzione e promozione di premi e borse di studio di ricerca scientifica nelle materie di competenza della professione di Architetto. Stesura del relativo statuto e regolamento.
  1. 15.      PREMIO ARCHITETTO e GIOVANE ARCHITETTO della città Metropolitana: Istituzione di un premio riservato agli Architetti della città metropolitana che maggiormente si sono contraddistinti per qualità professionale, innovazione e originalità, riservando una sezione speciale per i giovani architetti, aumentando quindi la competizione e di conseguenza la qualità dell’architettura nel nostro territorio.