Reggio Calabria, Ripepi: “Fratelli d’Italia al fianco dei cittadini di Sbarre sedotti e abbandonati da questa amministrazione”

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

“Basta chiacchiere, Fratelli d’Italia vuole stare al fianco dei cittadini sedotti e abbandonati da questa amministrazione” queste le dichiarazioni del Consigliere Ripepi al presidio di Sbarre. A distanza di qualche giorno dal consiglio comunale aperto che ha visto Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale tra i protagonisti di un evento con il quale è stato chiesto all’Amministrazione comunale di dare nuovo impulso alla vicenda del rilancio dell’Aeroporto dello Stretto, il partito guidato da Giorgia Meloni riprende regolarmente la propria attività sul territorio, a testimonianza della convinzione che ai grandi temi vadano necessariamente legati i problemi della vita quotidiana. Presente il Consigliere Massimo Ripepi con i vertici provinciali del partito e del movimento giovanile Gioventù Nazionale, il presidio tenuto martedì 27 giugno, nei pressi del Rione Marconi, è stata l’occasione per rilanciare la missione del movimento in un quartiere, quello di Sbarre, ormai divenuto, dopo anni di incuria e trascuratezza, uno dei simboli più sconcertanti di politica inadeguata. Una politica capace di vendere soltanto slogan opportunistici e illusioni ma che, nonostante il tempo trascorso, al di là delle promesse di recupero e rilancio delle zone adiacenti al centro storico, e della propaganda politica che ha anticipato la vittoria del centrosinistra, non è riuscita in nessun modo a offrire alcun percorso concreto di rinnovamento. A Sbarre, come denunciato poco tempo fa dall’associazione “Sbarre per Sempre” restano soltanto le macerie frutto della miopia di un’Amministrazione inaffidabile. In sintonia con le linee guida della segreteria comunale e l’attività del movimento giovanile, prosegue, quindi, il consolidamento della crescita della presenza sul territorio del partito della destra sociale, diretta a ricucire il legame con la comunità locale, denunciare lo stato di abbandono e compiere i primi passi per ricostruire un percorso credibile, dopo la stagione della protesta contraddittoria rivelatasi inconcludente sul piano delle proposte concrete. Un percorso, inaugurato ormai qualche anno fa, caratterizzato da attività costanti, al di là del solo momento elettorale, che pure non esita mai a evidenziare l’aumento del senso di sfiducia dei cittadini, ma che sappia coniugare tale momento con la programmazione, e, soprattutto, oltre la retorica di circostanza che ha saputo alimentare la chiacchiera di professione, prevaricatrice e inopportuna. Programmare, agire e rifondare saranno le tre parole d’ordine che continueranno a scandire le azioni di Fratelli d’Italia sul territorio, coniugando l’esigenza di esprimere i bisogni dei cittadini con la necessità di proporre soluzioni ai problemi che l’attuale classe dirigente, che riesce soltanto nella triste impresa di vivere di luce riflessa, non è in grado di risolvere se non beneficiando di quanto già programmato dalla tanto vituperata Amministrazione procedente.