Reggio Calabria, Nucera: “aderirò all’iniziativa in favore dell’Agenzia per i Beni Confiscati”

Il consigliere regionale Giovanni Nucera ha deciso di aderire all’iniziativa in favore dell’Agenzia per i Beni Confiscati

Gianni-Nucera-Consigliere-Regionale-La-SinistraIl consigliere regionale Giovanni Nucera ha deciso di aderire all’iniziativa in favore dell’Agenzia per i Beni Confiscati. “Ho deciso di rispondere positivamente all’appello lanciato dalle associazioni reggine che si sono schierate contro lo spostamento della sede istituzionale dell’Agenzia Nazionale Beni Sequestrati e Confiscati alla criminalità organizzata, e hanno così convocato un presidio per sabato 10 giugno alle 17:00 proprio di fronte la sede dell’Agenzia in Viale Amendola is. 66 n°2. Si tratta dell’ennesimo scippo che rischia di subire la città di Reggio Calabria, sede naturale di un’Agenzia che proprio nel nostro territorio segna una presenza concreta e forte dello Stato. Spostarne la sede nazionale e declassando gli uffici reggini non può che lanciare un segnale di resa nei confronti della criminalità. In tal senso condivido totalmente la dura presa di posizione del sindaco Giuseppe Falcomatà contro l’ennesimo depauperamento del nostro territorio che perderebbe così un presidio di legalità. Ma al danno si aggiunge anche la beffa. Pare che tra le motivazioni del declassamento ci siano la scarsa raggiungibilità della nostra città e le difficoltà relative ai trasporti.  Quindi si preferisce spostare l’Agenzia dal nostro territorio piuttosto che risolvere una volta per tutte le questioni relative ai collegamenti con la Città Metropolitana di Reggio Calabria, non ultima la questione dell’Aeroporto dello Stretto.

Aderisco quindi all’iniziativa posta in essere da diverse associazioni reggine che chiedono con forza un potenziamento dell’Agenzia, attraverso maggiori risorse e professionalità, e chiedono una buona gestione istituzionale dei beni sequestrati e confiscati, direttamente nel territorio che registra il più alto numero di beni confiscati alla criminalità” conclude Giovanni Nucera.