Reggio Calabria: giuristi di varie parte del mondo all’Università Mediterranea per la seconda edizione della Summer School on Consumer Law and Human Rights

Giuristi di varie parti del mondo in arrivo alla “Mediterranea” per la seconda edizione della Summer School on Consumer Law and Human Rights

avvocatiL’Ateneo reggino sarà protagonista dal 22 al 24 giugno p. v. di un nuovo evento internazionale di grande spessore, realizzato in collaborazione con altre 14 prestigiose università, alcune delle quali manderanno a Reggio Calabria i propri Direttori di Dipartimento, Presidi di Facoltà e Prorettori all’internazionalizzazione. Si tratta della II edizione della “Mediterranea University International Summer School on Consumer Law and Human Rights”, alla quale saranno ammessi a partecipare gratuitamente solo 40 studenti e laureati (calabresi e non solo), selezionati su base curriculare (https://www.facebook.com/events/1533342356737954/). L’iniziativa, è promossa dalle Cattedre di diritto privato europeo e Diritto privato comparato del Corso di laurea in Giurisprudenza e di Istituzioni di diritto privato del Corso di laurea in Scienze Economiche del DiGiEC dell’Università di Reggio Calabria e gode di un autorevole Comitato scientifico (che conferma la qualità del Dipartimento diretto dal prof. Francesco Manganaro, recentemente considerato uno dei 10 migliori in Italia dall’ANVUR, Agenzia di valutazione del Ministero MIUR).

La Summer School, per espresso volere del Rettore, prof. Pasquale Catanoso, si svolgerà presso il nuovo Residence universitario, sito in via Roma, una struttura divenuta Collegio di merito, che ospita iniziative culturali di prim’ordine. Le lezioni frontali si svolgeranno la sera del 22 e del 23 giugno, dalle 18:00 alle 20:00, e la mattina del 24, dalle 9:30 in poi. Durante il resto della giornata, i partecipanti potranno studiare – individualmente o in gruppo – sui materiali forniti dai docenti. E già alle ore 16:00 i professori saranno a disposizione degli studenti per fornire loro indicazioni utili su possibili periodi di soggiorno di studio e ricerca all’estero. L’evento prevede un servizio di traduzione, curato da alcuni giovani collaboratori organizzativi, che consentirà a tutti di partecipare attivamente alla Scuola estiva di respiro internazionale.