Reggio Calabria: convenzione di alternanza scuola lavoro tra l’Istituto “A. Righi” e Calabria Verde

L’azienda Calabria Verde ha dato il via ad una convenzione di alternanza scuola lavoro con l’Istituto “A. Righi” di Reggio Calabria

calabria verdeL’azienda Calabria Verde ente strumentale della Regione Calabria ed in particolare il Distretto numero 11 di Reggio Calabria, ha dato il via ad una convenzione di alternanza scuola lavoro tra l’Istituto di Istruzione Superiore A. Righi di Reggio Calabria secondo quanto previsto nell’articolo 1 della legge del 13 luglio del 2015,  riforma sulla “buona scuola”. La convenzione nell’area reggina, sottoscritta per l’Azienda Calabria Verde dal dott. Francesco Domenico Cordova dirigente del Distretto n 11 e per l’I.I.S. Righi dal dirigente scolastico dott. Francesco Praticò, ha durata triennale ed ha il fine di rafforzare il contatto tra scuola e aziende e fare acquisire agli studenti competenze spendibili nel mondo del lavoro secondo standard europei. Il percorso formativo multidisciplinare è dedicato alle dinamiche aziendali e alle conoscenze informatiche, acquisizione di competenze progettuali e all’utilizzo di tecnologie informatiche quali il sistema informativo computerizzato, il sistema di rilevamento topografico e l’utilizzo di software professionali: cad e gis. L’alternanza scuola-lavoro costituisce una vera e propria combinazione di preparazione scolastica e di esperienze assistite sul posto di lavoro, al fine di rendere gli studenti in grado di acquisire conoscenze e abilità e competenze utili allo sviluppo della loro professionalità. “L’alternanza deve realizzare una forte integrazione tra teoria e pratica, rispolverando quel concetto di scuola-bottega che ha una tradizione secolare in Italia” così ha commentato il Dott Cordova al primo incontro tra i ragazzi del Righi accompagnati dal professore Stefano Costantino alla presenza del tutor Aziendale dott. Pasquale Autelitano. I percorsi in alternanza sviluppano competenze spendibili nel mondo del lavoro, identificate attraverso una lettura dei fabbisogni territoriali con gli stessi referenti del mondo del lavoro locale. Il primo progetto in cui i futuri geometri saranno impegnati è di ingegneria naturalistica, affiancati dai tecnici Aziendali, dott. Marcello Lavecchia e dott. Francesco Manglaviti, realizzeranno il progetto di ripristino e messa in sicurezza di un importante sentiero di accesso al vecchio borgo dell’Amendolea nel comune di Condofuri. Il sentiero era stato realizzato, nel lontano passato, per avere accesso al castello che domina la vallata della fiumara Amendolea, un tempo addirittura navigabile. Inoltre, lungo il percorso si trova un’importante sorgente d’acqua dell’affluente Vasanario, in cui è previsto un intervento di ripristino della presa idrica.

 Un progetto quindi di rilievo per l’Area Grecanica, culla secolare della minoranza linguistica ellenofona  parco culturale delle tradizioni popolari e testimonianza storica della Provincia di Reggio Calabria, primo progetto di un lungo percorso.