Reggio Calabria: arrestato il super latitante Giorgi, la soddisfazione del Prefetto

Giorgi (3)“L’arresto del latitante Giuseppe Giorgi ha provocato unanime, diffuso e corale apprezzamento  per l’intelligente e professionale lavoro che la Procura di Reggio calabri e l’Arma dei Carabinieri  hanno svolto attraverso mirate attività d’indagine. Al culmine di una serrata ricerca, non priva di difficoltà, che si è protratta per l’intera notte nell’abitazione dello stesso a San Luca, lo Stato ha ancora una volta mostrato la sua determinata capacità di assicurare alla giustizia un malavitoso condannato a decine di anni di reclusione, mettendo così fine a una pericolosa latitanza. E bene hanno fatto gli uomini e le donne in divisa a festeggiare ed  abbracciarsi per questa ulteriore sfida vinta. In coloro tanti reggini si sono immedesimati per esprimere la convinta solidarietà nei confronti di rappresentanti dello Stato che inorgogliscono un territorio ed una comunità che merita nella quotidianità il giusto, rapido riscatto dalle innumerevoli angherie, illegalità degli uomini della ‘ndrangheta. E nel nome di un aberrante codice comportamentale, proprio dell’efferata organizzazione criminale, il condannato per traffico internazionale di stupefacenti  Giuseppe Giorgi è stato salutato ed al quale addirittura hanno baciato la mano nel percorso  che lo conduceva in carcere. Un gesto servile e abbietto che ha palesato il volto di coloro che spudoratamente intendono calpestare le leggi e il valore della democrazia. Non l’avranno vinta perché i reggini si rivedono e si compenetrano  con gli abbracci e l’esultanza degli uomini e delle donne in divisa per una vittoria a lungo meditata e nottetempo conseguita. Complimenti“. E’ quanto scrive in una nota Michele Di Bari, Prefetto di Reggio Calabria.