Reggio Calabria: approvato il regolamento per l’assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica per l’emergenza abitativa

reggio calabria dall'alto panoramaLa Giunta comunale ha approvato il regolamento per l’assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica ex articolo 31 della Legge Regionale 32 del 1996, destinati a particolari e documentate condizioni di emergenza abitativa.

Il nuovo regolamento istituisce una serie di criteri per la destinazione degli alloggi, offrendo uno strumento normativo certo per l’assegnazione della riserva del 25% degli appartamenti disponibili, cosi come sancito dalla legge del 1996, al fine di far fronte a “specifiche documentate situazioni di emergenza abitativa, quali pubbliche calamità, sfratti, sistemazione dei profughi, sgombero di unità abitative da recuperare anche in funzione di programmi di acquisto e recupero, trasferimento degli appartenenti alle Forze dell’Ordine, od altre gravi particolari esigenze individuate dai Comuni, fra cui la permanenza in strutture assistenziali utilizzate dai Comuni stessi di persone senza tetto e in drammatiche situazioni di bisogno, ivi comprese le donne vittime di violenza in qualsiasi ambito sociale e a prescindere dalla loro cittadinanza laddove siano iniziati i relativi procedimenti giudiziari”.

La delibera, approvata dalla Giunta comunale, promuove la ricostituzione della riserva da destinare alle specifiche esigenze istituite dalla legge regionale, nell’aliquota massima del 25% di alloggi di edilizia residenziale pubblica, assumendo la proposta di Regolamento da inviare, adesso, all’esame delle Commissioni Consiliari competenti, Politiche Sociale e Statuto e Regolamenti, dove sarà discussa con il contributo delle associazioni operanti sul territorio cittadino, e successivamente all’esame del Consiglio comunale. Nel frattempo l’atto deliberativo sarà trasmesso alla Prefettura di Reggio Calabria, alla Regione Calabria, all’Aterp ed alla Commissione Politiche Sociali della Città Metropolitana.

«L’approvazione del regolamento – ha spiegato il sindaco – rappresenta uno strumento fondamentale per garantire maggiore legalità e trasparenza in questo che è uno dei settori più delicati per l’Amministrazione comunale, offrendo uno spunto per il coinvolgimento delle realtà associative che operano in questo settore».