‘Ndrangheta, VIDEO SHOCK da San Luca: il boss Giorgi omaggiato con il baciamano durante l’arresto

‘Ndrangheta: le telecamere hanno ripreso il momento in cui il super latitante Giuseppe Giorgi, detto ‘U capra’, esce ammanettato dalla casa di famiglia a San Luca ed alcuni vicini lo “omaggiano”

ImmagineSono immagini eloquenti quelle trasmesse in esclusiva dal Tg1. Le telecamere hanno ripreso il momento in cui il super latitante Giuseppe Giorgi, detto ‘U capra’, esce ammanettato dalla casa di famiglia a San Luca. Abbracci e baciamani per il boss da persone accorse evidentemente a omaggiarlo, platealmente, noncuranti della presenza dei Carabinieri e delle stesse telecamere. 56 anni, nato a San Luca, in provincia di Reggio Calabria, è ritenuto elemento di vertice dell’articolazione Romeo alias Staccu operante proprio a San Luca e con ramificazioni in tutta la provincia ed in altre in ambito nazionale ed internazionale. Era irreperibile dall’agosto 1994 quando si era sottratto a ordinanza di custodia cautelare in carcere. Su di lui pende un ordine di carcerazione a seguito di condanna a 28 anni e 9 mesi per i reati di associazione finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Giorgi, catturato nella sua abitazione a San Luca, era inserito nell’elenco dei cinque latitanti di massima pericolosità. Nell’agosto del 1994 era riuscito a sottrarsi all’arresto nell’ambito dell’operazione denominata ‘Sorgente’. Questa volta il latitante è stato sorpreso nella notte all’interno di un bunker rifugio in muratura, con accesso tramite botola a scorrimento mediante sofisticato congegno, ricavato al di sopra di un camino, sito all’interno del locale cucina della propria abitazione. Si tratta di un immobile di più piani e composto da più appartamenti ove dimora tutta la famiglia Romeo. Al momento dell’arresto Giorgi era disarmato e non ha opposto resistenza. Nel corso della perquisizione è stata rinvenuta all’interno dello stabile in un intercapedine ricavata in una parete, la somma di 156.900 in banconote di vario taglio, sigillate in buste sottovuoto. La somma è stata sequestrata.

CLICCA QUI PER IL VIDEO