Messina e i suoi personaggi: ecco la top list delle celebrity cittadine

La top list dei messinesi più conosciuti in città

Michele Babbu 1A Messina, più o meno, ci conosciamo tutti.  Ci sono però alcuni cittadini che più di altri hanno conquistato la medaglia della memorabilità, diventando dei veri personaggi in città. Di seguito la top list delle celebrity più note:

“Michele babbu”: impossibile non averlo visto sfilare tra le vie della città mentre intonava canzoni natalizie. Da piccolo Michele viveva a Provinciale con la madre e due zie che vendevano sigarette di contrabbando. Sin dalla giovanissima età Michele inizia a frequentare le parrocchie e  partecipava con trasporto anche alle messe funebri. Spesso si inginocchiava davanti al feretro e fingeva di piangere e pregare per il defunto di turno. Michele era molto rispettoso anche del dolore dei congiunti, a cui non mancava di porgere le sue condoglianze. La gente, pur di farlo allontanare, gli dava qualche monetina.  Michele amplia il suo raggio d’azione e inizia a partecipare a quasi tutti i funerali in città. Michele babbu qualche anno fa è stato dato per morto, ma la notizia è stata subito smentita  con una foto pubblicata sui social che lo ritraeva  vivo e vegeto.

Alì il venditore di rose: tutti a Messina almeno una volta abbiamo comprato un rosa da questo simpatico egiziano, che amava scherzare con tutti e trascorrere il sabato sera nella movida messinese. La storia di Alì è però una storia triste. Qualche anno fa è stato brutalmente malmenato. Da allora Alì è stato visto aggirarsi per le vie del centro, intento ad urlare e a improvvisarsi ausiliario del traffico.

Santino Limonata: Santino è l’emblema della “messinesità”. Questo simpatico tipo, che un tempo vendeva le limonate al chioschetto di piazza Cairoli, guadagna le luci della ribalta quando il Messina era in serie A. Santino  prende il comando delle operazioni e si improvvisa conduttore televisivo. In onda sulle tv locali  risponde alle chiamate dei cittadini. Esilarante la puntata in cui  il suo sussulto campanilistico culmina in un consiglio espresso nei confronti del presidente Pietro Franza, che era solito offrire un rinfresco a base di prodotti locali durante l’intervallo tra il primo ed il secondo tempo delle partite della squadra. Santino Limonata si ribella, sente la necessità impellente di suggerire a Franza una variazione del menù: pesce stocco e pane e salsiccia per tutti! Riportiamo di seguito una delle telefonate più belle in cui questo simpatico messinese ha dato il meglio di sé:

intanto grazie per il sindaco e ntanto pensiamo a questa città oggi gloriosa, innanzitutto noi oggi, sicuramente non abbiamo vinto niente, noi, ci siamo preso quella serie a che la figgiccì ha gghiuso nella cassafotte, per dare la gghiave della cassafotte a quella ggente che tiene ippotere a Bbologna: mi dispiace pe loro perchè sicuramente quella figgìccì radiocomandata oggi il radiocomando s’è rotto. Oggi la serie A ce l’ha se l’ha presa il Messina pecchè è stata una serie A meritata dopo quarant’anni, che nessuno ce la può togliere, questa ggente…che cc’è nei dintonni della squadra de BBologna, che oggi si possono dimettere di tutte le cariche che hanno, pecchè se pensassero, bbene, i pobblemi, che cci sono, in Sicilia, con la Fiat Temmini Imarese, che sta pe gghiudere, e ppensunu solo il calcio, pe ffavorire il BBologna, si sbagliano tutti, non si confondono il caccio con la politica vera, pecchè il caccio non è ppolitica, il caccio è solo divettimento, è uno spott pe ffari dive divettiri tutte le pessone, che noi siamo stanchi, grazie a Ddio, oggi abbiamo la nostra serie A, non abbiamo vinto niente, ci siamo presi quella seria A che la Figgicì ci aveva gghiuso nella cassafotte, per dare le gghiavi alle pessone sbagliate pecchè noi la seria A a Messina, l’abbiamo vinta… Con cuore.. Cevvello…piedi e tutti! E caro Franza dacci u pani ca sosizza, non ci dari cannoli ca ricuotta, pani ca sosizza a sta ggenti, bbasta cu questi assaggini: lenticchia, faciola, piscistoccu, non si meritannu nnenti! Pani e sosizza!

“Dino Babbu”: anche Dino merito un posto d’onore in questa top list. Dino è un ragazzo  che tutti hanno incontrato sui mezzi pubblici. Con le sue immancabili cuffiette si aggira per la città, non dispensandosi dall’inveire contro chi turbi la sua quiete. Sarebbe bello avvicinarlo, per capire che musica ascolti.

“Santino Ciolla”: sebbene in realtà Santino non sia una persona reale, tutti in città conoscono questo personaggio. Santino incarna il tipico messinese: vanitoso, attento all’estetica,  un pò moralizzatore, un pò irruento e senza mezzi termini. Non c’è fatto che accada in città su cui Santino non metta bocca. Santino non ha peli sulla lingua e commenta ogni notizia sulla sua pagina facebook, occhio a non finire nel suo mirino. Se ci fosse da fare a botte, Santino sarebbe in prima fila!

Canazzo: Canazzo è un ragazzo di Messina, diventato popolare  con la canzone “Jessika ti amo”. Le sue performance hanno fatto il giro dei social e delle tv e radio italiane, al punto che anche Le Iene hanno voluto intervistarlo. Luca oggi vive con la sua lady Canazza, Santina, con cui ha inciso anche un pezzo. Di recente è uscito il suo nuovo brano con cui, dopo un periodo di pausa, è ritornato ad esibirsi al ritmo di “Avajava“.