A Messina gli anziani sono quasi il doppio dei giovani: in calo la crescita demografica [DATI]

A Messina le nascite nel corso del 2016 sono state meno del -2,5% rispetto al 2015,  i principali indicatori di struttura demografica confermano l’invecchiamento della popolazione della città

anzianiIl servizio Statistica del Dipartimento comunale Servizi al Cittadino ha elaborato il bilancio demografico per il 2016. Il report, realizzato in collaborazione con il prof. Marcantonio Caltabiano, docente di Demografica dell’Università degli Studi di Messina, contiene i principali dati demografici della città relativi al 31 dicembre 2016 ed un approfondimento sugli scenari demografici del prossimo decennio. Il rapporto evidenzia che “a Messina, al 31 dicembre 2016, la popolazione calcolata Istat risulta essere pari a 236.962 abitanti, di cui 113.542 maschi e 123.420 femmine, in costante decremento, -1.477 abitanti (0,6%) rispetto al 2015 e -5.305 unità (-2,2%) negli ultimi 5 anni. Il trend decrescente, lievemente più contenuto rispetto all’anno precedente, è attribuibile a vari fattori quali il saldo migratorio (-710) e il saldo naturale negativo (-767). I nati nel corso del 2016 sono stati 1.738 (-2,5% rispetto all’anno precedente), mentre sono 2.505 i decessi nel 2016 (-8,9% rispetto al 2015, in valore assoluto -245 morti). Lo scorso anno sono decedute ogni mese in media 208 persone. Cresce il tasso di emigrazione (13,80), ma anche quello di immigrazione (10,8). Si emigra poco verso l’estero (3%). I principali indicatori di struttura demografica confermano l’invecchiamento della popolazione della città. Nel 2016 ci sono 171 anziani ogni 100 giovani, la popolazione con età ≥65 anni rappresenta il 22,22% del totale e cresce il numero di ultracentenari, 126. I residenti stranieri sono 11.847, in leggera crescita rispetto all’anno precedente (+17 unità), pari al 5% della popolazione totale. Le comunità più presenti sono quella srilankese (3.996) e filippina (2.443), la prima in crescita e la seconda in diminuzione rispetto all’anno precedente. Nel 2016 sono stati celebrati 853 matrimoni, dato costante rispetto al 2015. Il 67% degli sposi ha scelto il rito religioso in leggera diminuzione rispetto all’anno precedente (68%). Tra i nuovi nati i nomi maggiormente attribuiti risultano per i maschietti sempre Francesco, Giuseppe e Andrea con quest’ultimo che ha superato Giuseppe rispetto al 2015, mentre Aurora e Sofia si sono scambiate le posizioni rispetto al 2015”.