Messina, al via il progetto VIOLIN mirato alla valorizzazione dell’olio extra vergine di oliva

Il 7 giugno a Messina prendere ufficialmente il via il progetto VIOLIN per quanto riguarda la valorizzazione dell’olio extra vergine d’oliva

università degli studi di messinaMercoledì 7 giugno 2017 prenderà il via al progetto VIOLIN “Valorizzazione dei prodotti Italiani derivanti dall’Oliva attraverso tecniche analitiche Innovative”, finanziato da AGER e mirato alla valorizzazione dell’olio extra vergine di oliva attraverso elevata competenza scientifica, puntando alla creazione di una cultura dell’olio italiano di qualità.

Il progetto vede coinvolte diverse Università italiane, ricoprendo buona parte del territorio nazionale, con l’Università di Messina che svolgerà il ruolo di capofila (referente scientifico è il prof. Luigi Mondello) e un partenariato scientifico di cui fanno parte l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, l’Alma Mater Studiorum-Università di Bologna, l’Università degli Studi di Torino, la Fondazione Edmund Mach, l’Università degli Studi del Sannio, l’Università della Tuscia, l’Università degli Studi di Genova, l’Università Campus Bio-Medico di Roma, l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, l’Università degli Studi di Verona.

Il coordinatore scientifico, prof. Luigi Mondello ed i responsabili delle diverse unità operative si incontreranno a Messina, presso la sede del polo Annunziata del Dipartimento CHIBIOFARAM per il kick-off meeting che avrà inizio alle ore 9.00.

Durante il meeting, i diversi partner del progetto descriveranno le attività di ricerca previste dalle singole unità. Un delegato AGER approfondirà gli aspetti amministrativi del progetto, che verrà gestito dal CARECI. Inoltre, verrà illustrato il piano di comunicazione multilivello, previsto dal progetto, per raggiungere la società civile, la comunità scientifica e gli stakeholders del settore.