Lega Pro, De Angelis: «C’è tanta amarezza, a Cosenza ci servirà il tifo del Marulla ma quanta paura per Baclet!»

Il tecnico Stefano De Angelis dop la sfida Pordenone – Cosenza analizza il match con la consapevoleza di aver affrontato un avversario più forte

infortunio bacletStefano De Angelis, tecnico del Cosenza è gia proiettato alla gara di ritorno di domenica: «Stasera abbiamo giocato contro una squadra che dispensa un ottimo calcio, probabilmente il migliore tra le otto che sono rimaste in corsa: ha anche interpreti di categoria superiore – ha detto dai microfoni di Jonica Radio – Non abbiamo sfruttato le ripartenze, ma al ritorno dovremo fare un altro match e servirà l’apporto del Marulla tutto esaurito».

Il Cosenza  ha giocato pensando molto alla fase difensiva lasciando campo ed iniziativa al Pordenone:«Gara di sofferenza? Noi non abbiamo la qualità di altre squadre, ma l’agonismo che ci contraddistingue ci permette di reggere botta. Pensavo di tornare a Cosenza con lo 0-0, è ovvio che il gol di Semenzato ci abbia lasciato l’amaro in bocca. Ora dobbiamo recuperare forze fisiche e mentali da subito perché abbiamo speso tanto».

Chiusura dedicata a Baclet . «Abbiamo avuto molta paura per Allain – ha chiuso De Angelis – e c’è stata poca comunicazione tra l’assistente e l’arbitro che non hanno ritenuto opportuno fermare il gioco. I playoff sono un bel vedere per tutti, con tanti risultati in bilico come si è visto anche stasera