La Protezione Civile ha avviato la bonifica del quartiere “Ciambra” di Gioia Tauro

protezione civileLa Protezione civile regionale, su indicazione della Prefettura di Reggio e di concerto con “Aterp” Calabria e con l’amministrazione comunale, da qualche giorno, ha avviato – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta -le attività di bonifica del quartiere “Ciambra” di Gioia Tauro, con personale specializzato ed adeguati mezzi. In particolare, la “prociv” regionale sta svolgendo le seguenti attività: sistemazione della rete fognaria e delle acque bianche, che versavano in totale stato di abbandono; rimozione, mediante idrovore, dai seminterrati dei circa venti edifici popolari, dei reflui fognari di cui erano invasi; rimozione mediante mezzi meccanici di rifiuti che erano disseminati per il quartiere e organizzazione del loro smaltimento quotidiano. “Nel quartiere “Ciambra” – dice la Protezione civile regionale – da circa 30 anni vivono centinaia di persone, prevalentemente di etnia rom, in condizioni di grave degrado. Attualmente nel quartiere abitano circa 220 persone, di cui 60 bambini, che vivono in condizioni disumane in 20 edifici popolari mai completati. Per la mancanza di condotta di collegamento alla rete principale, gli scarichi fognari si riversano direttamente nei seminterrati degli edifici,  che sono stati trasformati in pozzi neri a cielo aperto, a pochi passi da aree in cui giocano decine di bambini corrono il serio rischio di cadervi dentro. Questo quadro determina anche condizioni igienico-sanitarie molto gravi data la presenza di ampie aree del quartiere a rischio malattie infettive (per la diffusione di colibatteri fecali e di altra natura), marcate per di più da un olezzo insopportabile che pervade l’intero quartiere Ciambra. Il tutto è aggravato dalla presenza di cumuli di rifiuti, alti fino a tre metri, disseminati per tutto quartiere che, insieme ai reflui fognari, sono responsabili di una diffusa presenza di topi. Si ringrazia il  Centro Italiano Protezione Civile comitato provinciale di Vibo Valentia – nella persona del presidente Francesco Di Leo – per il costante e qualificato contributo fornito. Si esprime infine soddisfazione per la concreta collaborazione degli abitanti del quartiere Ciambra che stanno supportando in modo encomiabile gli operatori nell’espletamento delle attività”.