Il Ministro Minniti contestato all’Università della Calabria

Foto Simone/Pizzi StrettoWeb

Foto Simone/Pizzi StrettoWeb

“Decoro e legalità, via Minniti dalle città”: questo lo striscione che ha accolto il ministro dell’Interno Marco Minniti all’Università della Calabria dove ha partecipato alla giornata di studi sul tema “Intelligence: a dieci anni dalla riforma. Risultati, questione aperte, prospettive”. A protestare una sessantina di ragazzi dei centri sociali e immigrati, che contestano il decreto Minniti-Orlando sui migranti. Il ministro, al suo arrivo in aula magna, è stato contestato anche da un docente precario, fatto allontanare dalle forze dell’ordine. Momenti di tensione all’esterno, quando la polizia ha cercato di rimuovere lo striscione. Nel suo intervento sull’intelligence, Minniti ha detto che “siamo in una fase della storia del mondo in cui nessuno può dire mai. Compito nostro è lavorare molto sulla capacità di prevenzione a fronte di un terrorismo che abbiamo definito a prevedibilità zero. Questo tipo di terrorismo non si può prevedere ma si può contenere con il controllo del territorio”.