Il Goji italiano sbarca a Napoli tra i pasticceri campani

Il  “superfrutto rosso della salute” ospite dell’Associazione Pasticcieri Napoletani a Ponticelli

Antonino Scappatura WORK IN PROGRESS

Antonino Scappatura WORK IN PROGRESS

Le bacche fresche e biologiche del Goji italiano, la grande novità salutistica italiana, si presentano in Campania e lo fanno a Napoli con i pasticceri dell’Associazione Pasticcieri Napoletani presso la sede del quartiere Ponticelli. La preziosa bacca rossa, solitamente conosciuta in versione “essiccata” (e di origine cinese) da un paio di anni è “Made in Italy”, disponibile in estate in versione fresca e gustosissima, coltivata in biologico grazie alla Rete di Imprese “LYKION” che annovera decine di agricoltori del Sud Italia nella filiera del Goji italiano. Ormai è risaputo, oltre che scientificamente provato, che ogni alimento o pietanza che contiene il Goji italiano, sia fresco sia sottoforma di composta o purea, diventa un “superfood” ovvero un “functional food” che fa bene alla salute. E lo dimostrano le Università che collaborano con la filiera del Goji italiano tra le quali il Dipartimento di Scienze Biomolecolari dell’Università “Carlo Bo” di Urbino e il Dipartimento di Farmacia dell’Università “Federico II” di Napoli. Ma può un dolce diventare un alimento che fa bene alla salute? Può un dolce tradizionale artigianale diventare anche nutraceutico? Con i “superfrutti rossi” freschi o in fase di composta o purea questo è possibile. E ciò vale anche per la pizza, il pane e i prodotti da forno. E non solo! Hanno già riscosso successo il panettone e la colomba nutraceutica al Goji Italiano, le insalate pronte al Goji, la pizza nutraceutica, la salsa e addirittura la birra alle preziose bacche della longevità. Un tema innovativo di cui si parlerà martedì 6 Giugno 2017 dalle ore 10,00 presso l’Associazione Pasticcieri Napoletani di Ponticelli nell’incontro teorico-pratico “Innovazione per i pastry chef – La pasticceria salutistica e nutraceutica con le bacche bio di Goji italiano” insieme all’agronomo ed esperto Rosario Previtera, presidente della filiera multiregionale del Goji italiano, ad Antonio Castaldo pastry chef e Presidente dell’Associazione ospitante e ai numerosi pasticceri associati napoletani i quali potranno in diretta provare a realizzare con la composta bio di Goji italiano anche prodotti tradizionali: una sfogliatella, una graffa, un babà, un biscotto al Goji italiano oltre ad essere buonissimi faranno anche benissimo alla salute.

Il Goji infatti riduce il livello glicemico del sangue, riduce il colesterolo, regola la pressione arteriosa e conferisce decine di benefici all’organismo, regalando antiossidanti e polifenoli che combattono i nefasti radicali liberi. Un’esplosione di benessere e di sapori direttamente nella patria del Vesuvio e di bontà gastronomiche uniche e apprezzate nel mondo.