Cinquefrondi, l’associazione Rinascita al fianco del sindaco Conia dopo gli attacchi del Pd

michele-conia1“Le recenti dichiarazioni di due esponenti del Partito Democratico di Cinquefrondi e di Polistena volte ad offendere la persona e la dignità di Michele Conia costituiscono la prova del decadimento umano, prima ancora che politico, delle persone. Premesso che non sta a noi formulare diagnosi e giudizi su malesseri e malattie, a chiunque occorsi, spiace che chi “ha messo il cuore per Cinquefrondi“ abbia ormai dimenticato valore e significato di parole quale solidarietà, vicinanza, rispetto. Ripetendo così comportamento che già qualche mese fa, in occasione della presenza dei rifugiati a Cinquefrondi, era stato ritenuto non coerente con la militanza politica in un partito democratico. Il dibattito politico, come ha dimostrato proprio Michele Conia schierandosi a fianco di chi aveva subito indegno attacco con lettere anonime, non può essere libertà di offesa e di denigrazione, di oltraggio e vilipendio, di strumentalizzazione. Vogliamo ancora credere che l’uomo non è diventato avvoltoio. Così i giudizi pubblicamente manifestati nei confronti di Michele Conia di “vittimismo” e di “trattamento sanitario obbligatorio” sono veleno e livore, insensibilità, assenza di sentimenti. Crudele forma politica, da avvoltoi, che ha prodotto solo insuccessi e fallimenti sia a Cinquefrondi che a Polistena, e che sarà combattuta fino in fondo. Noi, a differenza di altri, siamo e restiamo umani, con sentimenti che ci animano e ci guidano. E vogliamo restare umani, con l’augurio che gli organismi direttivi del Partito Democratico sapranno dissociarsi pubblicamente da chi ha offeso, innanzitutto, la storia dei militanti di quel partito. Sempre vicini ed al fianco di tutte le vittime di offese”. E’ quanto scrive in una nota l’associazione Rinascita.